Simone Verdi
Simone Verdi

Firenze, 25 agosto 2019 - Ci sono ancora dei buchi da tappare nel mercato della Fiorentina: l'ottima prestazione offensiva offerta contro il Napoli non evita il fatto di doveri investire ancora sugli esterni. Con Chiesa, Sottil e Ribery ci dovrà essere ancora un altro giocatore offensivo, data anche per probabile la partenza in prestito del promettente Montiel. Da tempo i viola sono a caccia di un giocatore in quel ruolo e il nome di Raphinha dello Sporting Lisbona è quello più gettonato.

Ma viste le richieste alte dello Sporting, che chiede una cifra attorno ai 30 milioni, sono eccessive per Pradè e Barone che si stanno guardando attorno per cercare eventuali altre vie di fuga. Uno dei nomi appetibili sul mercato è quello di Simone Verdi, in uscita dal Napoli. L'ex Bologna è però corteggiato da tempo anche dal Torino che una volta conosciuto il suo futuro in Europa al termine della gara di giovedì prossimo contro il Wolverhampton potrebbe tentare l'affondo decisivo per quello che di fatto sarebbe il primo colpo di questa sessione che fin qui ha portato solamente ai riscatti di Djidji e Ola Aina.

La Fiorentina è in buoni rapporti ultimamente con il Napoli, nonostante i disguidi arbitrali dell'ultima partita. Infatti le due società stanno trattando diversi profili in uscita da Napoli: oltre a Verdi piacciono anche Tonelli e Chiriches per la difesa, dove i viola andranno a investire per un calciatore una volta sistemate le situazioni di Ceccherini (chiusura col Brescia prevista per lunedì prossimo) e Rasmussen.

Verdi rappresenterebbe un'alternativa importante vista la sua duttilità che gli permetterebbe di giocare su entrambe le fasce oppure in alternativa anche al centro alle spalle della punta, che sarebbe Boateng o il giovane Vlahovic. In tal senso si segue anche il possibile affare De Paul, più credibile come trequartista centrale rispetto a Verdi, ma difficilissimo da raggiungere sul mercato per via delle altissime richieste dell'Udinese.