Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 giu 2022

Ucraina, addio ai Mondiali. Il Galles vince lo spareggio e vola in Qatar

Ucraini traditi da un'autorete del capitano Yarmolenko. Dopo l'unica apparizione del 1958, i dragoni tornano a una fase finale del Mondiale

5 giu 2022
epa09997739 Ukraine's Viktor Tsyhankov reacts after missing a chance to score during the FIFA World Cup 2022 qualification playoff final soccer match between Wales and Ukraine in Cardiff, Wales, Britain, 05 June 2022.  EPA/Peter Powell
L'Ucraina ha mancato la qualificazione ai Mondiali di Qatar 2022 (Ansa)
epa09997739 Ukraine's Viktor Tsyhankov reacts after missing a chance to score during the FIFA World Cup 2022 qualification playoff final soccer match between Wales and Ukraine in Cardiff, Wales, Britain, 05 June 2022.  EPA/Peter Powell
L'Ucraina ha mancato la qualificazione ai Mondiali di Qatar 2022 (Ansa)

Cardiff (Galles), 5 giugno 2022 - Niente da fare per l'Ucraina che non sarà ai Mondiali di Qatar 2022. La finale dei playoff Europa sorride al Galles che batte 1-0 gli ucraini, traditi da un'autorete del capitano Yarmolenko, e firma la seconda, storica partecipazione a un Mondiale. La prima era stata nel 1958. Il Galles in Qatar entra nel gruppo B insieme a Inghilterra, Iran e Stati Uniti.

La cronaca

I dragoni di Robert Page vincono lo spareggio playoff grazie a un'autogol del capitano ucraino Yarmolenko. Episodio chiave al 34: sull'insidiosa punizione di Bale, un tiro-cross sul quale il capitano ucraino interviene con un colpo di testa in tuffo che non lascia scampo all'incolpevole Bushchan. Partita corretta, sotto una pioggia battente e iniziata con i giocatori ucraini in campo per gli inni con la bandiera del proprio Paese sulle spalle, accompagnati dagli applausi del pubblico di casa, ma anche dei propri connazionali presenti sugli spalti del Cardiff City Stadium. L'Ucraina ha giocato alla pari, a lunghi tratti anche meglio rispetto ai gallesi e c'è anche un intervento in area di rigore ancora su Yarmolenko che, nonostante il check Var, non cancella qualche dubbio. Non allo spagnolo Lahoz che lascia correre e non assegna il penalty.

L'Ucraina non molla, crea qualche occasione (pericolosi Tsygankov e Yaremchuk) trascinata da Zinchenko, mentre non è in grande giornata l'atalantino Malinovskyi che non trova lo spazio per liberare il suo micidiale sinistro e che lascia il campo al 70°. Il Galles non resta a guardare, Ramsey fa girare bene i suoi e al 75° Johnson colpisce il palo, un minuto dopo è Bale a costringere al grande intervento Bushchan. Dall'altra parte ci prova anche Karavaev, ma senza successo, poi all'84° il colpo di testa di Dovbyk sembra vincente, ma Hennessey si supera e salva la sua porta. Finisce 1-0, il Galles torna ai Mondiali (nel 1958 l'ultima partecipazione), l'Ucraina non riesce a regalare quella gioia che avrebbe voluto dare all'intero Paese, ma ai ragazzi di Petrakov non si può rimproverare nulla. Sipario tra le lacrime di Zinchenko e compagni e con la festa composta e rispettosa dei gallesi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?