Lautaro Martinez
Lautaro Martinez

Reggio Emilia, 20 ottobre 2019 - L'Inter vince sulla forza dei suoi attaccanti. Romelu Lukaku e Lautaro Martinez hanno trascinato i nerazzurri al successo per 3-4 con il Sassuolo con una doppietta a testa e due rigori concessi da Giacomelli. La squadra di Conte tiene dunque il passo della Juve vittoriosa ieri sul Bologna, ma il finale ha aperto qualche crepa nel meccanismo nerazzurro.

Serie A: risultati e classifica

DOPPIA ELLE - Partita vibrante, tra due squadre con il gol in canna, infatti finirà over per gli scommettitori. L'Inter approccia alla grande il match e passa già al secondo minuto con Lautaro che dal centro sinistra piazza un destro a giro imprendibile per Consigli. Ancora Lautaro si divora il due a zero al 15', così il Sassuolo punisce poco dopo quando Berardi infila un preciso diagonale destro che bacia il palo e si deposita in rete. 1-1 al 17'. Ma il Sassuolo è distratto in difesa e Lukaku può far valere la sua fisicità: al 39' il belga protegge un bel pallone a centro area e poi lascia partire un destro che non lascia scampo a Consigli, 1-2. Il finale di tempo condanna il Sassuolo che va sotto di due reti al 43' quando Marlon trattiene Lautaro in area, per Giacomelli è rigore. Lukaku non si fa pregare e piazza il terzo gol.

BRIVIDI NEL FINALE - C'è un assoluto protagonista della partita, si chiama Lautaro Martinez. L'argentino fa il diavolo a quattro anche nel secondo tempo e al 55' in coast to coast impegna Consigli. Il Sassuolo manovra come sa fare ma al 70' sembra che i sogni di rimonta si possano infrangere. Barella viene travolto in area da Muldur, altro rigore per l'Inter. E' proprio Lautaro a firmare la doppietta personale, due gol a testa per gli attaccanti nerazzurri. Sul 4-1 la partita sembra finita, tanto che Conte fa debuttare pure Lazaro, ma improvvisamente la luce si spegne. Djuricic accorcia al 75' e cinque minuti più tardi uno slalom devastante di Boga porta il Sassuolo sul 3-4. I nerazzurri sono stancati, rintanati dietro e Conte sceglie Vecino per Lukaku, blindando l'area. I neroverdi assediano, i nerazzurri non trovano più manovra e nasce qualche mischia pericolosa dalle parti di Handanovic, ma alla fine l'Inter resiste e torna alla vittoria dopo la sconfitta con la Juve. In questi casi conta il risultato, tuttavia Conte avrà qualcosa da ridire sulla gestione del risultato, non di certo da grande squadra.

Tabellino
Sassuolo (4-3-1-2): Consigli; Muldur (32'st Toljan), Marlon, Peluso, Tripaldelli; Obiang (7'st Boga), Magnanelli, Duncan; Traore (21'st Djuricic); Berardi, Caputo. In panchina: Turati, Russo, Defrel, Raspadori, Romagna, Piccinini, Ghion, Locatelli, Kyriakoupoulos. Allenatore De Zerbi. 
Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Candreva (28'st Lazaro), Gagliardini, Brozovic, Barella, Biraghi; Lukaku (45'st Vecino), Lautaro (27'st Politano). In panchina: Padelli, Berni, Godin, Ranocchia, Asamoah, Borja Valero, Dimarco, Esposito. Allenatore Conte. 
Arbitro: Giacomelli di Trieste
Reti: 2'pt Lautaro, 16'pt Berardi, 38'pt Lukaku, 45'pt Lukaku (rig); 26'st Lautaro (rig), 29'st Djuricic, 37'st Boga. 
Note - Ammoniti: Obiang, Duncan, Magnanelli, de Vrij, Muldur, Lazaro. Angoli: 7-4 per l'Inter. Recupero: 2'; 5'.