Possibile squalifica per il gesto di Zaniolo
Possibile squalifica per il gesto di Zaniolo

Roma, 27 settembre 2021- Oltre il danno la beffa: alla fine della partita contro la Lazio Nicolò Zaniolo si è recato sotto la curva biancoceleste per affrontare i tifosi avversari con un gesto ritenuto offensivo e che adesso potrebbe far scattare la squalifica. Il giovane talento della Roma è tornato in campo soltanto da poche settimane dopo il brutto infortunio che lo ha colpito nella passata stagione e potrebbe essere costretto a saltare altre partite.

Clima teso

Il derby si è rivelato più infuocato del previsto, sia in campo che fuori. Le due squadre hanno animato la partita con azioni spettacolari e più volte Zaniolo è arrivato vicino al gol. Alla fine è stata la Lazio ad avere la meglio per 3-2, grazie ai primi 20 minuti di calcio targati Maurizio Sarri. Alla fine del match il numero 22 ha rivolto dei gesti alla curva avversaria, colpevole in passato di avergli rivolto striscioni poco gentili inerenti al suo doppio infortunio. I rapporti erano già molto tesi e ieri è arrivata la scintilla definitiva. Ma il gesto goliardico potrebbe costare caro a Zaniolo: il giudice sportivo potrebbe infliggergli una squalifica, una notizia che di sicuro non farà felice Jose Mourinho.

I precedenti in Serie A e in Europa

Zaniolo non è stato l'unico protagonista di una situazione simile. L'ultimo precedente risale al febbraio 2021, con il dito medio rivolto da Antonio Conte ai tifosi della Juventus nella partita di Coppa Italia. L'ex allenatore dell'Inter era stato punito soltanto con una multa, stessa punizione inflitta a Davide Calabria per lo stesso motivo. In casa Roma anche Daniele De Rossi ha messo in scena lo stesso gesto di Zaniolo in un derby nel 2017 e anche quella volta non è arrivata nessuna squalifica. In campo europeo i gesti più famosi sono quelli di Cristiano Ronaldo e Diego Simeone: nessuna squalifica per loro, soltanto una multa.

Leggi anche - Mourinho: "Var e arbitro non all'altezza", e salta la conferenza stampa