Maitland-Niles è pronto a indossare la maglia della Roma
Maitland-Niles è pronto a indossare la maglia della Roma

 

Roma, 27 dicembre 2021- Il primo rinforzo per il mercato di gennaio della Roma potrebbe essere Ainsley Maitland-Niles. La dirigenza pesca ancora una volta dalla Premier League per regalare a Jose Mourinho un altro prospetto giovane con il quale lavorare nella seconda parte di questa stagione. Tiago Pinto si è mosso in fretta per portare in Serie A l'inglese, anche se l'accordo con l'Arsenal non è stato ancora definito.

Una freccia per la fascia

Tra i reparti da aggiustare c'era anche la difesa, in particolare le corsie esterne. L'assenza prolungata di Spinazzola e il fallimento del progetto Reynolds hanno ridotto all'osso le scelte di Mourinho, costretto a puntare su Karsdorp in ogni partita. L'olandese non ha mai rifiatato per mancanza di alternative valide e per questo Maitland-Niles diventa la pedina perfetta per la Roma: l'inglese gioca sulla corsia destra, come esterno di centrocampo ma si adatta alla perfezione anche nel ruolo di terzino. In questa stagione con l'Arsenal ha giocato poco più di 400 minuti in tutte le competizioni e nonostante la giovane età (è un classe 1997) è ormai fuori dal processo di ringiovanimento portato avanti da Arteta

I dettagli dell'operazione

Il suo contratto con il Gunners scadrà nel 2023, ma è ormai ovvio che il futuro di Maitland-Niles è lontano da Londra. Per questo accetterebbe di buon grado una nuova destinazione dove tornare a essere parte integrande del progetto, nonostante necessiti di tempo per guarire dal Covid che lo ha colpito negli ultimi giorni e recuperare la sua forma migliore. La Roma potrebbe acquisirlo con la formula del prestito con diritto di riscatto e il dubbio resta sulle cifre dell'affare: l'Arsenal chiede 10 milioni di euro per l'eventuale riscatto, mentre i giallorossi cercano di giocare al ribasso. Noto anche l'ingaggio che passerà dagli attuali 2 milioni a stagione ai circa 2.5 offerti dai Friedkin.

Leggi anche - Napoli, Osimhen è già in Nigeria in attesa del controllo definitivo