Joao Pedro (Ansa)
Joao Pedro (Ansa)

Napoli, 5 maggio 2020 - E' stato la punta di diamante della bella stagione disputata dal Cagliari almeno fino a dicembre. Poi il rendimento dei rossoblù è calato bruscamente, con tanto di esonero di Rolando Maran, ma Joao Pedro è rimasto l'uomo più pericoloso dei suoi: un dettaglio non sfuggito al Napoli, che sembra aver trovato il possibile erede di Dries Mertens.

CAGLIARI AL BIVIO - Non si tratta di un nome destinato, almeno sulla carta, a scaldare il cuore dei tifosi, ma di un eventuale acquisto funzionale al progetto assolutamente sì. Innanzitutto si parla di un attaccante che conosce bene il campionato italiano, nel quale è approdato 10 anni fa prima di iniziare un peregrinare infruttifero interrotto nel 2014 dall'approdo in Sardegna, dove il classe '92 finora ha messo a referto 55 reti e 19 assist in 181 presenze totali. Numeri importanti per un giocatore non più giovanissimo, che infatti sta mettendo Tommaso Giulini di fronte a un bivio: venderlo subito per fare cassa oppure trattenerlo per continuare a plasmare un Cagliari formato Europa? Molto dipenderà dai postumi della crisi che colpirà il mondo del calcio, a maggior ragione i club di media fascia come appunto quello rossoblù. Il Napoli monitora la situazione, forte della volontà di Joao Pedro di far spiccare finalmente il volo alla sua carriera: in Sardegna, dove dovrebbe restare fino al 2023, oppure no. La pandemia ha bloccato sia le velleità del brasiliano sia in generale le trattative, a cominciare da quelle per il rinnovo dei contratti. Lo sa bene Mertens, che probabilmente ha anche approfittato dell'impasse generale per guardarsi attorno, allontanando così ulteriormente le speranze dei tifosi di vederlo ancora in azzurro. Non sarà il nome dei sogni dei supporter, ma degli allenatori sì, perché Joao Pedro è uno che in campo sa fare davvero di tutto.

OUNAS RITORNA - Nato centravanti, poi arretrato sulla trequarti, prima di giocare anche da mezzala e da esterno, l'ex Palermo è abile nello stretto, oltre a possedere un tiro potente e preciso. A proposito di precisione: con 15 rigori trasformati su 17 calciati in carriera, il brasiliano è un autentico cecchino dagli 11 metri. Sono decisamente meno positivi i numeri di Adam Ounas, dettaglio non sfuggito al Nizza, che ha annunciato il mancato riscatto dell'esterno. Difficile comunque per lui immaginare un futuro a Napoli: più probabile un impiego da pedina di scambio sul mercato. Che l'algerino possa entrare proprio nell'affare Joao Pedro?