Lunedì 17 Giugno 2024
GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO
Calcio

Napoli-Bologna, Spalletti: "Gara insidiosa, ma abbiamo qualità ed entusiasmo"

Il tecnico toscano alla vigilia della sfida contro i rossoblù: "Arnautovic non ci sarà, ma occhio al resto del loro attacco"

Luciano Spalletti (Ansa)

Luciano Spalletti (Ansa)

Napoli, 15 ottobre 2022 - Dopo i fasti di Champions League il Napoli si rituffa nel campionato e lo fa con l'obiettivo di blindare ulteriormente il primo posto in classifica: la conferma arriva anche da Luciano Spalletti, che in conferenza stampa ha presentato la sfida interna contro il Bologna in programma domenica 16 ottobre alle 18.

Dall'emergenza all'abbondanza

Dopo il rientro già avvenuto (con tanto di gol) contro l'Ajax, a scalpitare in un reparto avanzato affollatissimo da qualche giorno c'è anche Osimhen: problemi di abbondanza che sembrano non spaventare il tecnico toscano. "La gestione della rosa è semplice: si gioca in undici e gli altri possono diventare risorse preziose a partita in corso. Un esempio lo abbiamo visto proprio dopo l'infortunio di Osimhen: senza Raspadori e Simeone saremmo andati in difficoltà. Esistono però indubbiamente delle gerarchie: per esempio dietro in questo momento Zanoli non può darmi le stesse garanzie di Di Lorenzo". Insomma, il roster è profondo ma qualche oscillazione qualitativa esiste: una constatazione con cui Spalletti deve fare i conti alla luce degli infortuni di Rrahmani e Anguissa. "Dietro ho diverse opzioni: con l'Ajax ho inserito Juan Jesus perché è veloce e mi garantiva una buona tenuta contro i loro attaccanti, mentre Ostigard di testa è uno dei giocatori più forti che io abbia mai allenato e lo si è visto anche contro la Cremonese. Quanto al centrocampo - continua il tecnico toscano - abbiamo Ndombele che a livello quantitativo è messo piuttosto bene". Tutte armi utili ad avere la meglio sul Bologna. "Ogni gara è un viaggio verso l'ignoto: la nostra bravura dovrà essere renderlo prevedibile e per quanto ciò possa sembrare difficoltoso in realtà per la mia squadra si tratta di uno step molto eccitante".

Senza Arnautovic, ma...

Dopo le metafore del caso, Spalletti si addentra più nello specifico dell'analisi dei rossoblù, in forte difficoltà sia dal punto di vista della classifica sia sul fronte infortuni. "Non avranno Arnautovic, ma in attacco hanno comunque tanti giocatori di qualità: dovremo prenderci la palla e tenerla quanto più possibile perché ogni partita nasconde le sue insidie. Noi comunque ci siamo allenati bene e inoltre potremo contare su due ingredienti fondamentali: l'affetto dei tifosi e le numerose opzioni offensive a nostra disposizione". Tra essi anche Zielinski, jolly totale dal centrocampo in su. "L'anno scorso ha deluso le aspettative ed è il primo a esserne consapevole: con il lavoro e l'intelligenza si è però subito riscattato".

Leggi anche - Empoli-Monza 1-0: decide Haas