Radja Nainggolan
Radja Nainggolan

Milano, 15 giugno 2021 – L’Inter è pronta a sacrificare a titolo definitivo Radja Nainggolan. Il ninja belga è vicino alla permanenza a Cagliari dopo l’ultima stagione in prestito, i due club sarebbero ad un passo dall’accordo per la cessione. Nainggolan dovrebbe essere una delle prime uscite nerazzurre in questo mercato, mentre in entrata gli occhi sono su Filip Kostic e Stefan Radu.

Nainggolan resta a Cagliari


Il legame tra Radja Nainggolan e Cagliari è profondo e viscerale e ci sono i presupposti per una permanenza, stavolta a titolo definitivo. Annata di prestito in Sardegna per il ninja, agevolata dal contributo dell’Inter, che in questo campionato aveva ceduto anche Godin alla corte di Giulini, ma dalla prossima stagione il rapporto tra il belga e il Cagliari dovrebbe diventare definitivo. Secondo Sky Sport l’accordo sarebbe molto vicino tra i due club per una cessione. Nainggolan, di fatto, potrebbe diventare la prima cessione dell’Inter in questo mercato, prima anche di Joao Mario su cui sarebbero sorti intoppi sull’asse Milano-Lisbona. Nainggolan avrebbe in mano già un accordo con il Cagliari per il contratto e l’ingaggio.

Radu e Kostic


Ma proseguono anche i rumors sul mercato in entrata dell’Inter, tutto subordinato alle cessioni. E’ noto da tempo l’interesse per l’esterno Filip Kostic dell’Eintracht Francoforte, ma appare una operazione legata ad una possibile uscita. Ovviamente il nome ricade sempre su Achraf Hakimi anche se il Psg non ha affondato il colpo avvicinando la richiesta nerazzurra di 80 milioni. Ad oggi è tutto fermo e non si può nemmeno escludere la permanenza del marocchino. Senza una cessione è difficile arrivare a Kostic. Chi invece dovrebbe arrivare a costo zero è Stefan Radu dalla Lazio. Venerdì ci sarebbe stato un incontro tra i dirigenti nerazzurri e il procuratore del difensore: per lui a Milano, fedelissimo tra l’altro di Inzaghi, ci sarebbe un ruolo di vice Bastoni in sostituzione del partente Kolarov.

Leggi anche - Euro 2020, la Svezia ferma la Spagna sullo zero a zero