Krzysztof Piatek (LaPresse)
Krzysztof Piatek (LaPresse)

Milano, 18 novembre 2019 – In attesa del rientro dei nazionali, che tra oggi e domani completeranno gli impegni con le rispettive selezioni, in casa Milan i lavori sono ripresi. Questa mattina infatti i rossoneri si sono ritrovati sui campi di Milanello dove, agli ordini di mister Stefano Pioli, hanno sostenuto una partitella amichevole contro la Primavera milanista. A vincere con un secco 5-0 è stata la prima squadra, trascinata alle reti di Andrea Conti, Giacomo Bonaventura e di Daniel Maldini, apparso in grande spolvero e autore di una tripletta sotto gli occhi del padre Paolo, presente alla seduta.

All’allenamento non era ovviamente presente Krzysztof Piatek che ai media polacchi ha parlato del momento non facile attraversato da lui e dal Milan in questo inizio di stagione: “Cerco sempre di guardarmi allo specchio per capire gli errori che faccio ma devo dire che ci sono state tante vicissitudini turbolente e i giocatori le percepiscono. A inizio stagione creavamo poche occasioni da rete ma ora stiamo migliorando e sono certo che tornerò a segnare con continuità. Per i giornalisti un giorno sei il Papa del calcio e il giorno dopo il peggio giocatore, ma fa parte del gioco. Non sono cose che mi toccano”. Il polacco ha poi lanciato un messaggio non escludendo una sua partenza futura: “Oggi ho un valore di circa 38 milioni ma voglio arrivare a valerne 60-70 quando cambierò di nuovo club”.