Pellegri (ANSA)
Pellegri (ANSA)

Milano, 21 agosto 2021 – Il Milan vuole assolutamente recitare un ruolo da protagonista in questi rush finale del calciomercato estivo e, dopo aver ufficializzato l’ingaggio di Florenzi, si prepara a piazzare altri due colpi. Il primo sarà con tutta probabilità l’attaccante classe 2001 Pietro Pellegri che i rossoneri preleveranno dal Monaco – che nel 2018 acquistò il giocatore dal Genoa pagando circa 30 milioni di euro – con la formula de prestito oneroso con un riscatto fissato a circa sei milioni di euro. Un colpo in prospettiva, insomma, per i rossoneri che, dopo aver visto sfumare l’affare Kaio Jorge, cercavano un attaccante giovane da far crescere all’ombra di Ibrahimovic e Giroud. Profilo giusto individuato proprio nella figura di Pellegri che cerca rilancio dopo alcune stagioni in terra monegasca un po’ travagliate anche a causa degli infortuni. Pellegri potrebbe sbarcare a Milano già tra domani e lunedì per sostenere le visite mediche di rito e successivamente legarsi al Milan.

Vicino anche Bakayoko

L’attaccante classe 2001 non sarà però l’unico innesto a stretto di giro di posta del Milan che cerca anche un mediano da affiancare a Tonali, Kessié e Bennacer anche in vista dei probabili impegni in Coppa d’Africa dell’algerino e dell’ivoriano. Anche per questo movimento in entrata le idee della dirigenza milanista sono molto chiare: Maldini e Massara si sono infatti concentrati negli ultimi giorni sulla figura di Tiémoué Bakayoko che ben conosce l’ambiente rossonero che riabbraccerebbe più che volentieri. I dialoghi con il Chelsea sono in fase avanzata e si discute anche in questo caso sulla base di un prestito con diritto di riscatto: i rossoneri vorrebbero però un’opzione d’acquisto del giocatore inferiore ai dieci milioni mentre il Chelsea ne chiede circa tredici. Uno scoglio comunque superabile già nei primi giorni della prossima settimana quando Pioli potrebbe avere a disposizione anche questa preziosa pedina per il suo centrocampo.

Leggi anche - Inter-Genoa 4-0: poker d'autorità, buona la prima