Stefano Pioli (ANSA)
Stefano Pioli (ANSA)

Milano, 21 ottobre 2020 - Tutto pronto in casa Milan per l’esordio in Europa League contro il Celtic (calcio d’inizio domani sera alle 21 con diretta su Sky Sport e TV 8): “Abbiamo lavorato tanto per arrivare a questo punto - ha dichiarato mister Stefano Pioli ai microfoni di Milan TV - e adesso vogliamo rimanerci. L’Europa League è una competizione importante e il nostro girone è molto equilibrato e competitivo, ma noi ci teniamo a partire con il piede giusto. Vogliamo giocare sempre per vincere, ben sapendo che dovremo cercare di superare le difficoltà che si presentano in partita. Gli avversari sono molto forti ma abbiamo le giuste qualità per vincere. Più saremo compatti e disposti a sacrificarci e più avremo possibilità di vincere”.

Alla partita con il Celtic i rossoneri arrivano con l’entusiasmo di un derby vinto: “Lo scorso anno abbiamo iniziato un percorso. Si parla un po’ troppo facilmente di “partite svolta”. Tutte sono importanti. E’ chiaro che sapevamo che il derby fosse un po’ più importante e averlo vinto ci dà più consapevolezza e fiducia nel futuro”. All’appello domani sera mancherà Hakan Calhanoglu, alle prese con una distorsione alla caviglia sinistra che lo terrà dieci giorni lontano dal campo, ma l’allenatore emiliano non fa drammi: “Gli infortuni fanno parte di questo lavoro. Dispiace che Hakan si sia fatto male, ma ho la fortuna di avere a disposizione tanti giocatori anche con caratteristiche diverse. Anche domani sera comunque troveremo la miglior soluzione per mettere in campo una squadra competitiva”. Nessuna paura, infine, neppure per le aspettative riposte nei rossoneri: “Mi sembra normale e giusto che ci siano grandi aspettative su di noi, perché indossiamo la maglia di un club prestigioso e abituato a vincere. Credo sia un privilegio. Se ci sono aspettative significa che stiamo facendo bene. Dobbiamo reggere questa pressione ed essere soddisfatti per quello che stiamo facendo, sapendo che ci sono tanti altri esami da superare insieme".

Leggi anche - Europa League, prima giornata. Probabili formazioni e orari tv