Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 11 giugno 2018 – Che farà Mauro Icardi la prossima stagione? Probabilmente rimarrà all’Inter. Mentre la ridda di voci impazza tra cessione all’estero e possibili scambi azzardati con la Juve per Higuain, il direttore sportivo Piero Ausilio tratta il rinnovo di contratto con il capitano.

RINNOVO A 8 MILIONI – I contatti proseguono tra Ausilio, Wanda Nara e Mauro Icardi. L’Inter non ha intenzione di lasciare partire il suo capitano, soprattutto ora che potrà giocare in Champions League. Tra l’altro, anche a livello economico uno scambio con Higuain non gioverebbe alle casse del club, perennemente controllate dalla Uefa. E allora proseguono i discorsi sul rinnovo e per il momento si parla di una proposta nerazzurra fino al 2023 da 6.5 milioni di euro fissi più bonus facilmente raggiungibili, che farebbero salire la cifra a 8.5 milioni l’anno. Icardi ora si gode le vacanze, ma nel frattempo manda messaggi subliminali sui social. Il profilo Instagram della Champions League ha postato una foto del capitano nerazzurro chiedendosi quanti gol avrebbe fatto nella prossima stagione della coppa dalle grandi orecchie. Immediato il ‘like’ di Icardi e il commento dell’Inter: “Il maggior numero possibile”. Insomma, l’Inter e Maurito sembrano tutt’altro che separati in casa…

PRESTITO PER RAFINHA – Trapelano invece conferme sulla strategia dell’Inter per trattenere Rafinha. Spiragli con il Barcellona per un nuovo prestito, nella fattispecie oneroso, con obbligo di riscatto tra dodici mesi. Si cerca una cifra più bassa rispetto ai 38 milioni richiesti dai blaugrana per il brasiliano. Con la mediazione dell’agente Mazinho i nerazzurri sono convinti di poter portare a termine l’operazione. Due piccioni con una fava per l’Inter che posticipa dunque i pagamenti sul bilancio successivo e si tiene in casa uno degli artefici della conquista della Champions League. Novità anche sul fronte Nainggolan. L’Inter lo vuole, Ausilio è pronto a mettere sul piatto circa 30 milioni ma Monchi vorrebbe anche una contropartita tecnica. Ma quest’ultima non sarebbe Pinamonti, come inizialmente trapelato, bensì Zaniolo.