I giocatori della Lazio esultano dopo la vittoria col Bologna
I giocatori della Lazio esultano dopo la vittoria col Bologna

ROMA, 25 maggio 2020 – C’è un segnale nuovo che arriva da Formello ed è direttamente collegato alla seduta andata in scena quest’oggi. Non più tre gruppi divisi per fasce orarie, bensì due ma su campi separati. È il primo segno di ripresa, la Lazio si appresta a completare l’iter stabilito dal protocollo per la ripresa degli allenamenti collettivi. Dopo aver svolto il primo giro di tamponi, risultati tutti negativi, domani i calciatori biancocelesti dovrebbero sottoporsi al secondo tampone. Tempo 24 ore per avere il responso definitivo, che nel caso fosse confermato, permetterebbe alla rosa biancoceleste di allenarsi nuovamente insieme. Niente più gruppi separati, presumibilmente il tutto avverrà mercoledì. La Lazio punta dritta verso la ripresa, il 28 maggio potrebbe finalmente esserci la fatidica data, e per quel giorno tutti vorranno farsi trovare pronti.

La Lazio come al solito si dimostra quindi essere in prima linea, davanti a molte per organizzazione. Non si è fatta cogliere impreparata e ha edificato in poco tempo il 'Medical Center' all'interno del centro sportivo di Formello, un nuovo centro di medicina sportiva che ha permesso alla società di ricominciare l'attività in sicurezza al termine del lockdown. Il centro si trova alle spalle delle tribune del Fersini, conta due piani ed è in continuo ampliamento: tre sale diagnostiche e tre sale mediche per la prima squadra, più altre tre per Primavera e settore giovanile. All'interno macchinari come elettrocardiogramma da sforzo, elettrocardiografo per prevenire la morte improvvisa, video-scanner per riscontrare la presenza di possibili patologie polmonari, spirometria. Il tutto non intaccherà il rapporto con la Paideia, dove i giocatori continueranno a svolgere le visite mediche di idoneità e gli accertamenti.