Martedì 18 Giugno 2024
FRANCESCO BOCCHINI
Calcio

Europa League, Juventus-Friburgo 1-0: Di Maria decide il primo round

I bianconeri meritano fino al vantaggio dell'argentino nella ripresa, poi rischiano in occasione del gol di Holer, annullato per un tocco di mano. Da valutare le condizioni di Alex Sandro e Chiesa

Angel Di Maria esulta dopo il gol (Ansa)

Angel Di Maria esulta dopo il gol (Ansa)

Torino, 9 marzo 2023 - Il primo round dell'ottavo di finale di Europa League fra Juventus e Friburgo se lo aggiudica la Vecchia Signora. I piemontesi sconfiggono di misura i tedeschi grazie alla rete nella ripresa del solito Di Maria. La squadra di Christian Streich si vede - giustamente - annullare il gol del pari e nel finale di partita gli assalti alla porta di Szczesny si rivelano inutili. Termina quindi 1-0 la gara dell'Allianz Stadium. Appuntamento a giovedì prossimo, stavolta all'Europa-Park Stadion e con calcio d'inizio fissato alle 18:45, per la sfida di ritorno. Da valutare lo stato di salute di Chiesa, vittima di un problema al ginocchio, e di Alex Sandro, uscito già nel primo tempo. 

Europa League, Roma-Real Sociedad 2-0. La Lupa azzanna i baschi all'andata

Fiorentina-Sivasspor 1-0, Barak decide l'andata degli ottavi di finale

Le scelte di formazione

 

Massimiliano Allegri lascia in tribuna Pogba per motivi disciplinari, mentre recupera Alex Sandro in difesa. A centrocampo si rivede dal primo minuto Miretti, preferito dal tecnico livornese a Fagioli, e in attacco niente tridente, ma la coppia composta da Di Maria e Vlahovic. Di nuovo in panchina Chiesa. Dall'altra parte difesa a cinque per il Friburgo, che in avanti si affida a Sallai, Holer e Grifo per provare a pungere la retroguardia dei bianconeri.

Juventus-Friburgo, Di Maria: "Sento l'affetto della gente. Se resto? Ne stiamo parlando"

La Juve non sfonda

 

La Vecchia Signora comincia in maniera propositiva, con lo spunto di Di Maria dopo nemmeno due minuti di gioco a mettere in difficoltà i tedeschi. Dal canto loro gli ospiti non intendono lasciarsi tramortire né schiacciare e allora alzano il proprio baricentro. Siamo in una fase di studio del match, interrotta dalla bella azione al 12' sull'asse Di Maria-Rabiot, con quest'ultimo che impegna Flekken, bravo e fortunato nel dirgli di "no". Il portiere del Friburgo deve nuovamente sporcarsi i guantoni al 19' sulla punizione di Cuadrado. Al 23' Allegri è già costretto al primo cambio: Alex Sandro non ce la fa e viene sostituito da Bonucci. Pochi secondi più tardi nuova conclusione della Juventus, stavolta targata Vlahovic, il cui calcio piazzato viene respinto - senza grossi problemi - da Flekken. I padroni di casa continuano a rendersi pericolosi da  fermo, con il corner al 30' di Di Maria che imbecca Bremer, la cui zuccata termina alta. E' una Juventus in crescita in questo finale di frazione, come dimostrato dal tentativo di Cuadrado - neutralizzato da Flekken - e quello immediatamente successivo di Vlahovic, che non inquadra la porta. I piemontesi però non trovano il gol e così si torna negli spogliatoi a reti inviolate. 

La sblocca Di Maria

 

In apertura di ripresa Allegri opera la seconda sostituzione, richiamando Miretti e inserendo Fagioli. Vlahovic non centra, come non primo tempo, lo specchio di testa, ma Madama è in pressione. E al 53' gli sforzi bianconeri vengono premiati: il cross di Kostic è perfetto per Di Maria, che con una zuccata forte e precisa infila Flekken, firmando il quarto sigillo nella manifestazione dopo la tripletta rifilata al Nantes. Dieci minuti dopo la Vecchia Signora può tirare un sospiro di sollievo quando il gol del pari di Holer viene annullato - con l'intervento del Var - per un tocco di mano precedente. Allegri lancia in campo pure Chiesa, dentro per Vlahovic. In questo frangente il pallino del gioco è fra i piedi di Grifo e compagni. L'attaccante classe '93 della Nazionale italiana manda di poco alto il pallone su punizione al 75'. La Juve, vuoi anche per le condizioni precarie di Chiesa per un fastidio al ginocchio, è in difficoltà e deve ereggere un muro in difesa, dove dà una mano pure Kean. Szczesny non corre mai veri pericoli e così dopo cinque minuti di recupero la formazione di Allegri può festeggiare il successo per 1-0. 

Il tabellino

 

Juventus (3-5-1-1): Szczesny; Danilo, Bremer, Alex Sandro (23′ Bonucci); Cuadrado, Miretti (46′ Fagioli), Locatelli, Rabiot, Kostic (77′ Kean); Di Maria; Vlahovic (66′ Chiesa). All. Allegri. A disp. Pinsoglio, Perin, Gatti,Rugani, Soulé, Paredes, Barrenechea

Friburgo (3-4-3): Flekken; Sildillia, Ginter, Lienhart (67′ Gulde); Kubler, Eggestein (58′ Keitel), Hofler, Gunter; Sallai (58′ Doan), Holer (88′ Gregoritsch), Grifo. All. Streich. A disp. Uphoff, Atubolu, Schmid, Petersen, Wagner, Weisshaupt, Rohl, Schmidt

Arbitro: Tasos Sidiropoulos (Gre).

Ammoniti: 24′ Ginter, 51′ Holer, 71′ Bremer, 84′ Bonucci. 

Rete: 53' Di Maria.

Leggi anche: Milan, Maldini: "Contenti e orgogliosi. Speriamo di evitare una italiana ai quarti..."