Paulo Dybala in azione
Paulo Dybala in azione

Torino, 27 marzo 2020 - "Sto molto meglio rispetto ai giorni scorsi, quando ho avuto dei sintomi". Paulo Dybala è stato l'ultimo giocatore della Juventus, in ordine di tempo, a risultare positivo al Coronavirus, come del resto la compagna Oriana Sabatini. E' passata quasi una settimana dalla notizia e fortunatamente adesso sia Joya che la fidanzata sono in buone condizioni. Per il numero 10 bianconero non è stato facile però: non solo per la preoccupazione in sé di scoprire di aver contratto il virus, ma anche per le conseguenze fisiche. 

"I sintomi sono scomparsi e sto provando anche a ricominciare un po' ad allenarmi, cosa che finora non sono riuscito a fare. Ho tentato, ma dopo poco ero già stanco morto, mi mancava l'aria e avevo male ai muscoli", il racconto dell'ex Palermo, ospite della trasmissione di Juventus Tv, #ACasaConLaJuve. Per trascorrere il tempo, Dybala si gode soprattutto Oriana. Ma una delle passioni del giocatore sudamericano è anche il collezionismo di maglie da calcio. "Ognuna ha una storia dietro. Ne ho davvero tante e continuerò".

Fra le tantissime che possiede, il nativo di Laguna Larga ne mostra tre in particolare: quella indossata da Gigi Buffon nel giorno dei 120 anni della Juventus e quelle di Cristiano Ronaldo e Lionel Messi. "Saranno per sempre nella storia del calcio", il pensiero del classe '93, che poi ritorna su quello che è stato il suo passaggio alla Vecchia Signora. "Lo ricordo come se fosse ieri. Ero a Palermo, si parlava molto delle squadre che potevano volermi. Un giorno dopo pranzo mi chiamò il mio procuratore dicendomi che tra un'ora mi avrebbe telefonato il direttore sportivo della Juve. Ho parlato con Fabio (Paratici): mi ha svelato che avrebbero fatto di tutto per portarmi a Torino. Quando ho chiuso la chiamata sono andato ad abbracciare mia mamma dicendole che volevo andare lì". 

E da quando veste la casacca bianconera, Dybala ha vissuto tanti momenti belli. L'ultimo dei quali risale allo scorso 8 marzo, dopo aver segnato contro l'Inter. "Avrei preferito ci fossero anche i tifosi. Ho festeggiato con i miei compagni perché è stata una gioia incredibile e credo che abbiamo fatto una partita clamorosa".