Ivan Perisic
Ivan Perisic

Milano, 31 ottobre 2020 - Fatica a dare continuità ai risultati l’Inter che incappa in un altro pareggio. Stavolta è il Parma, dopo i due in Champions con Borussia e Shaktar, a fermare i nerazzurri sul due a due a San Siro, tra l’altro con un doppio vantaggio - Gervinho sugli scudi – rimontato solo nel finale da Brozovic e Perisic. Pesante l’assenza di Lukaku.

Noia nel primo tempo

Conte ripropone Eriksen trequarti, c’è Perisic in coppia con Lautaro. Nel Parma Kucka a supporto di Gervinho e Cornelius. I nerazzurri partono forte, al 2’ verticalizzazione di Barella per Perisic che di destro spreca a centro area. Poi la partita si spegne, al 10’percussione di Kurtic che trova Gervinho, sul prosieguo sinistro di Cornelius e parata di Handanovic, ma era fuorigioco. Non ci sono grandi emozioni, match abbastanza statico, il Parma si chiude e mura le fasce, l’Inter deve andare centralmente e in verticale ma non c’è Lukaku come perno e diventa difficile innescare le punte. I nerazzurri ci provano dalla distanza, rasoiata di Kolarov di poco a lato al 28’ ma la vera occasione capita sul finire del tempo. Sempre il serbo trova il cross millimetrico per l’inserimento di Hakimi a centro area, zuccata alta da buona posizione. All’Intervallo poco sui taccuini e poco anche in campo. Zero a zero.

Tutto nella ripresa

 

Per Liverani Inglese al posto di Cornelius a inizio ripresa e i ducali passano subito. Splendida palla in verticale di Hernani che pesca il piattone di Gervinho, 0-1. Doccia fredda per l’Inter che prende gol al primo tiro in porta. Dubbi al 51’, Ranocchia va in gol da tergo sugli sviluppi di un corner, il guardalinee inizialmente segnala la regolarità ma poi viene sanzionata la posizione di offside del nerazzurro. L’Inter non trova il bandolo della matassa, dentro Brozovic e Vidal per provare a cambiare la partita. Ma è il Parma ad andare ancora in gol, palla verticale di Inglese per Gervinho che trafigge ancora Handanovic, 0-2. Ritrovatasi alle corde, l’Inter reagisce. E’ Brozovic ad aprire la rimonta con un sinistro a giro che si infila nell’angolino basso, si prospetta un finale al cardiopalma. Al 67’ cross insidioso di Brozovic, Balogh travolge Perisic a centro area ma per Piccinini è tutto regolare. Conte furioso, il penalty poteva starci. Per l’Inter dentro anche Pinamonti per gli assalti finali ma il muro parmense sembra reggere. Ci pensa anche Sepe con una grande parata su Ranocchia, poi Vidal spara alto. Arrembaggio in pieno recupero, Pinamonti strappa una punizione sul vertice sinistro e Kolarov disegna la traiettoria giusta per Perisic, 2-2. Non c’è tempo per completare la rimonta, pareggio per l’Inter che ha patito oltre modo l’assenza di Lukaku, rammarico per Liverani.

Leggi anche - Milan, Pioli: "Vogliamo vincere e restare in testa"