11 apr 2022

Lazio, Sarri difende Immobile: "Non deve preoccuparsi degli altri"

L'attaccante biancoceleste vola in testa alla classifica marcatori della Serie A. E l'allenatore allontana tutte le critiche

ada cotugno
Sport
Tripletta per Immobile nel 4-1 contro il Genoa
Tripletta per Immobile nel 4-1 contro il Genoa

Roma, 11 aprile 2022- Quella vista contro il Genoa è stata una Lazio travolgente: i biancocelesti hanno vinto in trasferta per 4-1 grazie anche a una super tripletta di Ciro Immobile che ha risposto così alle tante critiche ricevute nelle ultime settimane. In Serie A continua a macinare numeri importanti ma le critiche gli vengono mosse soprattutto per il rendimento in Nazionale che non rispecchia quello del club dove ormai è un goleador senza rivali.

I numeri di Immobile

Con la tripletta di ieri a Marassi Immobile è tornato al primo posto della classifica marcatori del nostro campionato. Il biancoceleste è in cima con 24 segnati in questa stagione, davanti a Dusan Vlahovic che ne ha 22 ed è il vero rivale per il titolo di capocannoniere in Serie A. Il terzo infatti è Simeone staccato a quota 16 gol, un abisso per competere con gli altri due colleghi di reparto. Per quanto riguarda la Scarpa d'Oro invece Immobile resta indietro: l'italiano è al terzo posto, alle spalle di Ohi Omoijuanfo, norvegese dello Stella Rossa con 33 gol e 49.5 punti (il suo campionato ha un minor coefficiente rispetto agli altri) e dell'eterno Robert Lewandowski che guida la classifica con 32 reti e 64 punti.

La replica di Sarri

Eppure nonostante l'ennesima stagione dal grande rendimento, Immobile in Nazionale non riesce a mantenere i soliti numeri. Ed è proprio su questo punto che sono arrivate le critiche, specialmente dopo l'eliminazione contro la Macedonia del Nord dove non è riuscito a guidare l'attacco come con la Lazio. A placare gli animi ci ha pensato Maurizio Sarri che ha difeso il suo bomber: "Immobile è uno che ha raggiunto dei numeri che fa notizia al contrario. Ormai è normale se fa due o tre gol, mentre diventa assurdo quando non segna. Lui non deve sorprendersi di nulla, quello che sta facendo è qualcosa di clamoroso e non deve preoccuparsi degli altri".

Leggi anche - Inter, Moratti: "Scudetto? Mi fanno paura le partite facili"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?