Manuel Neuer con la fascia arcobaleno
Manuel Neuer con la fascia arcobaleno

Monaco di Baviera - Mercoledì 23 giugno alle 21 all'arena di Monaco non di disputerà solo una partita di calcio. Una di fronte all'altra ci saranno due Paesi agli antipodi sul tema dei diritti civili: la Germania che difende le minoranze e l'Ungheria di Orban, ostile nei confronti degli omosessuali. In quell'occasione (come ha già fatto in precedenza) il capitano della nazionale tedesca Manuel Neuer giocherà esibendo la fascia dai colori dell'arcobaleno al braccio e la stessa arena dovrebbe essere illuminata nelle stesse tinte, come segno di protesta contro le politiche omofobe ungheresi, come l'ultima norma che vieta la "promozione" dell'omosessualità tra i minori. 

Sulla fascia arcobaleno di Neuer, indossata (nel mese del pride, giugno appunto) già contro la Francia e il Portogallo, l'Uefa ha aperto un'inchiesta sulla federazione tedesca (Dfb). Neuer aveva già portato questa fascia a gennaio giocando nel Bayern, nell'ambito di una campagna del club per promuovere tolleranza e diversità. Secondo l'Uefa, tutto ciò avrebbe potuto essere interpretato come simbolo politico, ma l'indagine si è chiusa senza sanzioni.

A rendere nota l'archiviazione è la Federcalcio tedesca. "La Uefa ha condiviso oggi con la DFB di aver interrotto la revisione della fascia da capitano arcobaleno indossata da Manuel Neuer - si legge sui social della Federcalcio tedesca - La fascia è stata valutata come un simbolo della squadra per la diversità e quindi per una buona causa". Nel frattempo, la Germania sta valutando di illuminare lo stadio di Monaco con i colori dell'arcobaleno per l'ultima partita del Gruppo F contro l'Ungheria di mercoledì prossimo".

Per il governo tedesco, sollecitato in proposito in conferenza stampa a Berlino, le decisioni a riguardo spettano alla Federcalcio e alle istituzioni locali bavaresi. "I colori dell'arcobaleno simbolizzano il fatto che vogliamo vivere con rispetto senza discriminare le minoranze", ha affermato poi il portavoce del governo Steffen Seibert, ricordando che la DFB ha già fatto sapere di non voler impedire a Neuer la sua iniziativa. "È un segno della squadra a favore del pluralismo e viene valutato come una good cause", ha scritto su Twitter ieri la Federcalcio.