Pandev esulta con i compagni dopo il gol all'Austria (Ansa)
Pandev esulta con i compagni dopo il gol all'Austria (Ansa)

L'età a volte è solo un numero e Goran Pandev è l'emblema più bello di questa filosofia di vita: a 37 anni compiuti è il grande protagonista dell'Europeo con la maglia della sua Macedonia del Nord, alla prima apparizione in assoluto in questo torneo. Ma l'attaccante del Genoa oggi è entrato nella storia della sua nazionale infrangendo due record che arricchiscono la sua bacheca già piena di trionfi.

Primo gol della Macedonia

Come detto, per la Macedonia è la prima apparizione di sempre all'Europeo. Superare i gironi non sarà una missione semplice, ma la nazionale di Pandev può diventare una vera mina vagante: la squadra può contare su elementi di grande esperienza e su qualche giovane di talento, come Elmas del Napoli Bardhi del Levante, le due stelline che potrebbero compiere il salto di qualità proprio in questo torneo. Il primo gol in assoluto nella competizione non si è fatto attendere ed è arrivato proprio alla partita d'esordio contro l'Austria. A segnarlo non poteva che essere Goran Pandev, grande simbolo sportivo di tutta la nazione e giocatore più rappresentativo in assoluto.

Secondo gol più anziano

Come se non bastasse, oltre a essere il primo marcatore di sempre in un grande torneo internazionale, Pandev è anche il secondo marcatore più vecchio di sempre in un Europeo. A 37 anni e 321 giorni l'ex giocatore dell'Inter ha aggiunto un altro prezioso tassello alla sua grande carriera, il più difficile da raggiungere in assoluto: gli sono serviti 20 anni dal debutto in nazionale per trascinare la Macedonia tra le più grandi nazioni del mondo e per trovare la rete più pesante di tutte. Una vera e propria impresa che non gli vale però il primato assoluto. Il primo posto tra i marcatori più anziani è ancora occupato dall'austriaco Ivica Vastic che nel 2008 andò in gol contro la Polonia a 38 anni e 257 giorni, vincendo una fornitura di birra a vita offerta dallo sponsor.

Leggi anche - Euro2020, Sterling regala la vittoria all'Inghilterra contro la Croazia