Torino, 11 settembre 2019 - Sempre più nella storia. Cristiano Ronaldo si è preso l'ennesimo record personale in una serata trionfale per il suo Portogallo, che ne ha rifilati cinque in trasferta alla Lituania, confermandosi al secondo posto nel gruppo B, a -5 dall'Ucraina (che tuttavia ha una partita in più). Il cinque volte Pallone d'Oro ci ha messo eccome lo zampino: gli serviva una tripletta per diventare il miglior marcatore della storia delle qualificazioni europee. Ma il famelico Cristiano ha voluto esagerare, calando addirittura il poker. Quattro reti, una diversa dall'altra, tutte fondamentali per scacciare la paura di perdere punti preziosi, visto che al 60' il punteggio era ancora di 1-1, con CR7 a segno dal dischetto a inizio primo tempo. 

Poi l'attaccante della Juventus si è scatenato, sfruttando anche la papera del portiere avversario in occasione del raddoppio. Da quel momento la strada è stata in discesa per il Portogallo e per lo stesso Ronaldo, che ha firmato il facile tris su assist perfetto di Bernardo Silva. Infine il quarto gol, questo frutto esclusivamente del suo talento, che gli ha consegnato il primato a quota venticinque reti nella classifica dei migliori marcatori della storia delle qualificazioni europee. Scavalcato Robbie Keane (ventitre centri), adesso l'obiettivo è quello di raggiungere e sfondare il muro dei cento gol in Nazionale, visto che al fenomeno lusitano gliene mancano appena sette. 

image

"Sto passando un buon momento, ma lo stesso vale per tutta la squadra. Sono felice e me lo sto godendo, non perché abbia segnato, ma per il livello di gioco che abbiamo raggiunto negli ultimi anni - il pensiero di Cristiano a fine gara - Sta a me continuare ad aiutare la Nazionale. Il difficile, che era battere la Serbia, è stato fatto. Contro la Lituania è stato importante aver dato continuità a quel successo, tutto è aperto: abbiamo due partite a breve, una in casa e una in trasferta, e credo che vincerne una potrebbe bastarci". Adesso però per Ronaldo è tempo di tornare a Torino: da domani sarà nuovamente a disposizione di Maurizio Sarri per lavorare in vista della trasferta a Firenze, dove l'anno scorso segnò su rigore. 

L'ex Real proverà a ripetersi e a continuare nel suo magic moment, che lo ha portato a realizzare sei reti in questo inizio di stagione fra Juve e Portogallo.