Gigi Buffon
Gigi Buffon

Torino, 22 settembre 2019 - Come se il tempo si fosse fermato. Da Juventus-Verona a Juventus-Verona: dopo più di un anno dal suo addio alla maglia bianconera, Gigi Buffon è tornato a casa, debuttando proprio contro l'avversario che aveva sfidato nella sua ultima da numero uno della Vecchia Signora. Un esordio bis fra i pali dell'Allianz Stadium che è coinciso con il raggiungimento di Paolo Maldini nella classifica dei giocatori italiani con il maggior numero di presenze con squadre di club. 902 pari, con il portiere toscano che si prepara al sorpasso. Non solo, perché l'ex Paris Saint Germain insegue la bandiera del Milan anche per quanto riguarda le gare disputate nel massimo campionato. Con l'apparizione di ieri, Buffon ha toccato quota 640, a meno sette da Maldini. 

Insomma, questa potrebbe e dovrebbe essere la stagione dei record (gli ennesimi) per l'estremo difensore campione del mondo nel 2006. Ma chi pensava che Super Gigi fosse rientrato a Torino solo per la passerella finale di una lunga e gloriosa carriera, si è sbagliato di grosso. Il classe '78 ha accettato assolutamente di buon grado di fare da vice a Szczesny, ma alla prima utile ha dimostrato di essere ancora all'altezza. Contro il Verona, Buffon si è reso protagonista di almeno due o tre belle parate, fra le quali quella decisiva al 90' sulla botta a colpo sicuro di Lazovic, che sarebbe valsa il 2-2. Invece Buffon è salito in cattedra come ai bei vecchi tempi, mettendo in cassaforte il successo dei suoi. 

Un gran bella notizia per Maurizio Sarri, che sa di poter contare su di lui non solo come leader nello spogliatoio, ma anche come portiere di riserva più che affidabile. In estate, non appena l'idea di un ritorno alla Juve si è concretizzata, si pensava che la presenza di Buffon potesse essere ingombrante, quasi deleteria per Szczesny. Invece, fino a questo momento, l'esperimento può essere definito ampiamente riuscito, anche e soprattutto per merito del numero 77, che in silenzio si è calato nel nuovo ruolo, per poi prendersi la ribalta quando più serviva. A Brescia, Buffon lascerà nuovamente il posto all'amico Szczesny, con il quale il rapporto è ottimo. 

Le gerarchie sono stabilite, ma con Super Gigi in questa forma chissà che il polacco non possa riposarsi più del previsto.