Bonucci e Lukaku
Bonucci e Lukaku

Torino, 3 gennaio 2022 - Arrivano ancora brutte notizie dall'infermeria per la Juventus. Stavolta però il Covid-19 non c'entra. Dopo gli stop causa virus di Arthur, Pinsoglio e Chiellini, ecco quello per affaticamento muscolare di Leonardo Bonucci, che nella giornata odierna non si è allenato. "Leonardo Bonucci, che nei giorni scorsi ha riferito un affaticamento alla coscia sinistra, oggi è stato sottoposto presso il J Medical ad accertamenti diagnostici che non hanno evidenziato lesioni - fa sapere il club bianconero - Le sue condizioni verranno monitorate di giorno in giorno". Va da sé che la presenza del nativo di Viterbo nello scontro diretto di giovedì contro il Napoli all'Allianz Stadium sia quantomeno in dubbio. 

Si scalda Rugani

Il rischio grosso per la Vecchia Signora è quindi quello di arrivare a una partita tanto importante senza i due pilastri del proprio reparto arretrato. La responsabilità di proteggere la porta di Szczesny andrebbe quindi a finire sulle spalle di Matthijs de Ligt, che in questa stagione ha giocato 20 gare su 25, e di Daniele Rugani, che invece ha collezionato appena quattro presenze e che non scende in campo dall'8 dicembre. A complicare ulteriormente le cose la sicura assenza di Danilo, che ancora sta recuperando dall'infortunio rimediato a novembre, e quella possibile di Luca Pellegrini, che sia ieri che oggi non ha lavorato con la squadra (esattamente come Kaio Jorge) per influenza. 

Quadro preoccupante

Se a tutto questo sommiamo la situazione incerta di Alvaro Morata, la cui partenza - destinazione Barcellona - in questo mercato di gennaio è più che plausibile, e il fatto che Paulo Dybala e Federico Chiesa saranno alla prima partita dopo i rispettivi guai fisici, lo scenario che viene fuori non è dei più rassicuranti per Massimiliano Allegri, che dovrà fare di necessità virtù. La speranza adesso è che da qui a giovedì non arrivino altre cattive notizie e che magari Bonucci possa farcela. In questo senso la giornata di domani sarà quantomai importante. 

Leggi anche: Infantino sull'ipotesi Mondiale ogni due anni