Venerdì 24 Maggio 2024
GABRIELE SINI
Calcio

Bologna-Milan 1-1: Pobega risponde a Sansone. Rossoneri con la testa a Champions e Napoli

Pioli pensa alla gara di ritorno in Europa, schiera le seconde linee e non riesce a strappare più di un pareggio alla squadra di Motta

Stefano Pioli

Stefano Pioli

Bologna, 15 aprile 2023 - Un Milan con la testa alla Champions League è riuscito a strappare un pareggio in casa del Bologna. Nel primo anticipo del sabato di Serie A, valido per la 30^ giornata di campionato, felsinei e rossoneri non sono andati oltre l'1-1. Sansone al primo minuto aveva immediatamente indirizzato la sfida a favore dei rossoblù, che al 40' hanno però incassato il gol del pareggio di Pobega, che ha poi fissato il risultato finale. Un Diavolo privo di dieci titolari su undici, rispetto a quelli visti in settimana contro il Napoli, è apparso in parte opaco e, soprattutto, concentrato sulla sfida di ritorno europea che disputerà proprio contro i partenopei. Il Bologna di Thiago Motta, invece, ha disputato una buona gara, che non è stata sufficiente per assicurare i tre punti: la distanza dall'Atalanta sesta in classifica resta di quattro lunghezze.

Le formazioni titolari

Thiago Motta schiera il suo Bologna con il 4-3-3. In porta c'è Skorupski, mentre la linea difensiva è composta da Posch, Soumaoro, Lucumì e Kyriakopoulos. A metà campo ci sono Ferguson, Schouten e Dominguez e nel tridente offensivo Aebischer, Sansone e Barrow. Dall'altra parte, Stefano Pioli cambia tanto nel Milan, che ha la testa più proiettata al quarto di finale di Uefa Champions League contro il Napoli, che su questo match. Maignan si colloca tra i pali, aiutato da Florenzi, Kalulu, Thiaw e Ballo Touré nel pacchetto arretrato. Vranckx e Pobega agiscono in mediana, mentre Saelemaekers, De Ketelaere e Rebic si muovono alle spalle dell'unica punta Origi. Grande turnover per i rossoneri, che lasciano a riposo praticamente tutti i soliti titolari ad eccezione del portiere.

Primo tempo

Pronti, via e il Bologna passa subito in vantaggio. Aebischer dribbla Rebic sulla fascia, mette al centro un pallone basso sul quale si avventa Sansone, che anticipa Kalulu e sorprende Maignan sul primo palo. Il Milan cerca di riprendersi dall'avvio shock e tenta di schiacciare dietro i rossoblù, che restano compatti, solidi e pronti a ripartire in contropiede. Il Diavolo riesce a creare i primi veri pericoli solamente a partire dal 20'. Florenzi cavalca sulla destra, mette un traversone in area e Rebic gira di testa: Skorupski è attento e blocca a terra. Due minuti dopo, lo stesso Florenzi prova a far fruttare un calcio di punizione dai venti metri, che viene deviato in calcio d'angolo dal portiere felsineo, reattivo in tuffo. Sullo stesso calcio d'angolo, Saelemaekers conclude di destro in diagonale e trova una deviazione di Kalulu, che cerca di spiazzare l'estremo difensore ma manca lo specchio della porta. I rossoneri spingono con continuità e al 25' Pobega, ancora sugli sviluppi di un corner, incorna di testa ma troppo largo. Dopo qualche minuto di grande affanno, il Bologna di Thiago Motta riemerge al 36': Barrow fa partire il contropiede dei padroni di casa, viene fermato al limite dell'area ma il pallone diventa buono per la corrente Aebischer, che di prima intenzione con il destro cerca l'incrocio dei pali; il pallone vola sopra la traversa e termina innocuo in curva. Gli ospiti concretizzano la grande mole di gioco creata al 40', quando trovano il gol del pareggio. Un'azione molto manovrata parte da Ballo Touré, che effettua un cross dalla sinistra e propizia lo scambio tra Saelemaekers e Rebic; dopo un rimpallo, la sfera diventa giocabile per Pobega, che dai sedici metri carica un mancino che accarezza il palo e si infila in rete. Niente da fare per Skorupski, partita che torna in equilibrio sull'1-1, punteggio con il quale si conclude il primo tempo.

Secondo tempo

In apertura di ripresa il Milan conquista un calcio di punizione, che De Ketelaere calcia rapidamente per favorire Florenzi, il quale calcia da lontano e spedisce il pallone molto lontano dalla porta difesa da Skorupski. Al minuto 56 Origi si improvvisa assist man e dalla destra cerca la testa di Ballo Touré, che a sua volta si traveste da centravanti: la sua incornata aerea è però innocua per il portiere del Bologna. Comincia, a mezz'ora dalla fine della gara, la girandola dei cambi. Nel frattempo i padroni di casa guadagnano metri, alzano il baricentro e iniziano a gestire il possesso della palla, con i rossoneri che faticano a reagire e a risalire il campo. Ci prova, al minuto 66, Vranckx in contropiede, che scivola mentre tenta la conclusione e calcia abbondantemente a lato. La partita si appiattisce con diverse interruzioni che spezzano il gioco. Un lampo arriva al minuto 74, quando Messias scappa via alla difesa bolognese sulla destra, arriva sul fondo e mette un pallone rasoterra all'altezza dell'area piccola: Rebic arriva da dietro, colpisce in qualche modo con un rimpallo e termina fuori di pochissimo. Un minuto dopo Leao scatta dalla parte opposta, a sinistra, e serve Pobega, il cui tiro di sinistro a botta sicura viene deviato da Lykogiannis, che salva i padroni di casa dal peggio. I ritmi si rialzano in questo quarto d'ora conclusivo, anche grazie ai nuovi innesti inseriti dalla panchina dai due allenatori, che stanno fornendo energie nuove sia da una parte che dall'altra. Pioli cerca di vincerla con Brahim Diaz e Leao, che provano a fornire qualche spunto in più ad un attacco del Diavolo abbastanza bloccato in questo secondo tempo. Al 78' Dominguez cerca di scuotere i suoi e prende la mira da fuori area: Maignan, senza alcun problema, blocca il pallone scoccato dal centrocampista felsineo. Il gioco si inasprisce, i contrasti diventano più duri e l'arbitro Massa estrae un paio di gialli per mantenere la situazione sotto controllo. All'83' Lykogiannis cerca il gol della domenica da calcio di punizione, ma il suo sinistro a giro finisce lontanissimo dai pali protetti da Maignan. Gli ospiti assaltano l'area avversaria nel finale e Brahim Diaz si mangia una buona opportunità dal limite dell'area. Poco prima del novantesimo Lucumì allarga il braccio in area di rigore, ma il Var decide di non intervenire.

Il tabellino del match

Bologna (4-3-3): Skorupski; Posch, Soumaoro, Lucumì, Kyriakopoulos; Ferguson, Schouten (85' Medel), Dominguez; Aebischer (73' Moro), Sansone (57' Zirkzee), Barrow (73' Lykogiannis). Allenatore: Thiago Motta.

Milan (4-2-3-1): Maignan; Florenzi (57' Calabria), Kalulu, Thiaw (81' Gabbia), Ballo-Touré; Vranckx, Pobega; Saelemaekers (57' Messias), De Ketelaere (70' Brahim Diaz), Rebic; Origi (70' Leao). Allenatore: Pioli.

Marcatori: 1' Sansone, 40' Pobega.

Arbitro: Davide Massa.

Note - Ammoniti: Florenzi, Posch, Dominguez, Calabria, Pobega, Vranckx, Kyriakopoulos.

Leggi anche: Napoli-Verona, probabili formazioni e tv