Dybala (Ansa)
Dybala (Ansa)

Bologna, 24 febbraio 2019 – La Juve rafforza la propria leadership in campionato vincendo anche a Bologna dopo una partita non di certo bella ma vinta con il cambio di Allegri che ha inserito Dybala nella ripresa. Proprio l’argentino ha deciso la gara con un gol di rapina. Per il Bologna e Mihajlovic anche la sfortuna del palo di Sansone nel finale.

Bologna-Juventus 0-1, rivivi la diretta testuale

Serie A: risultati e classifica aggiornata

MEGLIO IL BOLOGNA - Allegri sceglie il 4-4-2 con Bernardeschi e Cancelo esterni, Mandzukic-Ronaldo di punta. Mihajlovic con il 4-2-3-1, Soriano trequartista, Santander prima punta e Edera-Sansone sulle fasce. Ma il primo tempo è del Bologna. Già all’11’ il primo squillo con botta di destro di Sansone dal limite che sfiora il palo. I rossoblù proseguono sul solco di Roma, pressing alto e alta intensità, infatti la Juve butta via palla come quasi mai si era vito. Al 24’ è il turno di Edera, sinistro dal limite che sibila alla sinistra di Perin. Poco dopo tocca a Santander, dribbling e destro dal limite sempre di poco a lato. E i bianconeri? Poche cose, si registra una zuccata centrale di Ronaldo e soprattutto un sinistro insidioso di Bernardeschi da dentro l’area dopo dribbling su Poli: palla di poco alta sopra la traversa. Al 45’ il pubblico del Dall’Ara è conquistato dalla squadra di casa, applausi a scena aperta.

DECIDE DYBALA – Non è certo una Juve brillante e anche in avvio di ripresa il Bologna ha una ghiotta occasione, da corner nasce una mischia ma Mbaye da pochi bassi non riesce a ribadire in rete per il salvataggio di Alex Sandro sulla linea. Ma a metà secondo tempo arriva il cambio decisivo, Allegri getta nella mischia Dybala per uno spento Alex Sandro e proprio l’argentino sfrutta dopo pochi minuti una ribattuta errata di Helander a centro area per il più facile dei gol: zero a uno. Il Bologna subisce il colpo e fatica a reagire, ma lo fa nel finale prima con un destro ciccato di Soriano e soprattutto con una conclusione avvelenata di Sansone al 92’ che Perin devia con l’aiuto del palo. E’ di fatto l’ultima occasione del match, la Juve passa indenne anche a Bologna, pur soffrendo e senza giocare un grande calcio con un Ronaldo in versione soft. Per il Bologna l’ennesimo rammarico di una grande prestazione senza punti. Domenica l’Udinese senza Pulgar, il cileno diffidato è stato oggi ammonito.

Tabellino

Bologna: Skorupski; Mbaye, Danilo, Helander, Dijks; Poli (78' Donsah), Pulgar (85' Falcinelli), Soriano; Sansone, Santander, Edera (52' Orsolini). A disp.: Da Costa, Lyanco, Paz, Nagy, Krejci, Helander, Dzemaili, Svanberg, Calabresi. All.: Mihajlovic. 

Juventus: Perin; De Sciglio, Rugani, Bonucci, A. Sandro (59' Dybala); Cancelo, Matuidi (78' Pjanic), Bentancur, Bernardeschi (87' Chiellini); Ronaldo, Mandzukic. A disp.: A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Caceres, Barzagli, Spinazzola, Kean. All.: Allegri.  

Arbitro: Calvarese. 

Reti: 67' Dybala (J). Note: ammoniti Pulgar (B), Bentancur (J), Sansone (B), Cancelo (B).