Mourinho parla a tutti i suoi tifosi
Mourinho parla a tutti i suoi tifosi

Roma, 24 dicembre 2021- Per Jose Mourinho sarà il primo Natale a tinte giallorosse: l'allenatore portoghese ha chiuso il girone di andata con la Roma al sesto posto in campionato, con il pareggio strappato all'ultimo dalla Sampdoria all'Olimpico. Tante cose sono cambiate dal suo arrivo a Trigoria e la squadra potrebbe subite una nuova trasformazione con il mercato di gennaio, ma la certezza resta il grande rapporto tra il tecnico e tutta la piazza, sottolineato dallo stesso Mourinho in una lunga lettera.

Dal primo momento i tifosi della Roma hanno accolto con grande entusiasmo l'arrivo di Mourinho, l'unico in grado di cambiare la rotta dopo alcuni anni sottotono. Ed è proprio con questa certezza che l'allenatore apre la sua lettera: "Dal giorno numero uno in cui sono arrivato a Roma ho capito che la Roma e i romanisti sono famiglia, gli amici per me. Per questo non potevo perdere l’opportunità di fare loro gli auguri di Natale. Quando sono arrivato qui, le cose sono state subito molto chiare. Il tempo non è un concetto vuoto, ma è una parola che significa molto. Per lavorare con il tempo c’è bisogno dell’empatia, perché senza empatia il tempo vola e non si costruisce niente. L’empatia è molto importante. E vi assicuro che qui, tra le mura di Trigoria, l’empatia c’è e non è fine a se stessa". Tutti remano nella stessa direzione, una caratteristica che ha permesso alla squadra di superare anche momenti difficili.

Il cammino è ancora lungo: al giro di boa la Roma può puntare concretamente alla Champions League, soprattutto se a gennaio dovessero arrivare i rinforzi tanto richiesti dall'allenatore. Mourinho poi ha parlato anche del futuro: "Ovviamente sogno di vincere, perché è nella mia natura, nella mia storia. Non sono solo felice di migliorare e creare le basi per il futuro. Voglio anche vincere, tutti lo vogliamo. Speriamo che il 2022 ci dia la possibilità di aggiungere altri step nella costruzione di una Roma che non solo amerete, ma che vi farà sentire orgogliosi di quello che potrà realizzare. Sicuramente la vostra ambizione e la nostra ambizione è nella mia natura, come allenatore, come persona e cercheremo di fare tutto il possibile per ridurre il più presto possibile questo tempo e arrivare dove vogliamo arrivare.  Ci divertiamo subito alla prima con Roma-Juventus, saremo lì insieme, una volta di più".

Leggi anche - Mancini: "C'è rammarico per non essere già al Mondiale ma sono fiducioso"