Dragowski para tutto contro l'Atalanta (Ansa)
Dragowski para tutto contro l'Atalanta (Ansa)

Bergamo, 15 aprile 2019 - L’Atalanta sbatte sul muro eretto da Dragowski e non va oltre lo 0-0 contro l’Empoli. Il portiere polacco, in serata di grazia, si traveste da “Superman” e rallenta la Dea nella sua corsa alla prossima Champions League. Gli uomini di Gasperini, ora, hanno due punti di ritardo dal Milan. Al contrario, gli Andreazzoli boys portano a casa un buon punto in ottica salvezza e restano a -2 dalla salvezza diretta e nei prossimi 180’ si giocheranno la permanenza in massima serie. I toscani, infatti, affronteranno in rapida successione SPAL e Bologna.

Atalanta-Empoli 0-0, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifica

La cronaca. Il risultato non si sblocca nei primi quarantacinque minuti, ma l’Atalanta sfiora il gol in cinque occasioni. Pronti via e l’Empoli si rende pericoloso con Farias, Gollini si allunga e devia in angolo il tiro a giro del numero 17. Al 10’ i padroni di casa vanno a pochi passi dall’1-0: Gomez serve Ilicic e lo sloveno a sua volta crossa per Hateboer, che da pochi passi manda alto di testa. Altri 10’ e la Dea è pericolosa con il bolide di De Roon, Dragowski è attento e respinge. Due giri di lancette ed è Masiello a sfiorare il vantaggio, il suo colpo di testa non trova il bersaglio grosso. Al 25’ gli uomini di Gasperini mancano l’1-0 tre volte nella stessa azione. Prima Dragowski si fa trovare pronto sulla conclusione di Freuler, poi Veseli salva poco prima della linea il tap-in dello stesso centrocampista svizzero, ed infine Di Lorenzo mura il tentativo di Zapata. Al 29’, poi, monumentale intervento di Dragowski su Ilicic e lo 0-0 che, come detto in apertura, si spinge fino alla fine della prima frazione.

La ripresa procede sulla falsariga del primo tempo, con l’Atalanta a cercare il vantaggio e Dragowski a compiere miracoli. Al 49’ Hateboer da pochi passi spedisce alto. Sessanta secondi e Dragowski respinge ottimamente il tentativo di Zapata. Quattro minuti e l’estremo difensore è abile a sventare anche la conclusione di Hateboer. Passano due minuti e il numero 69 dell’Empoli compie l’intervento più prodigioso della serata: il portiere ex Fiorentina vola e con la mano aperta toglie dalla porta il preciso colpo di testa di Hateboer. Altri tre minuti e la Dea sfiora il vantaggio con Zapata, il suo colpo di testa finisce fuori. Al 65’ ancora l’attaccante colombiano protagonista, il suo tiro si spegne sul fondo. L’attaccante numero 91 al 76’ non riesce ad arrivare sul cross basso di Hateboer e lo 0-0 resiste. All’83’ si fa vivo l’Empoli dalle parti di Gollini con Di Lorenzo: il difensore calcia male da ottima posizione. All’88’ Dragowski dice ancora di no all’attacco atalantino e con i pugni respinge la conclusione di Ilicic. Sessanta secondi e il portiere polacco è ancora miracoloso sul fortuito colpo di tacco di Mancini. Nel recupero ancora immenso Dragowski: botta dalla distanza di Ilicic e il numero 69 respinge in stile pallavolistico. L’Atalanta, quindi, non riesce a scalfire il muro eretto da Dragowski e rallenta nella corsa al quarto posto, ora distante due lunghezze. Altresì, l’Empoli, complice la superlativa prestazione del suo estremo difensore, porta a casa un punto prezioso in chiave salvezza e resta a -2 dal terzultimo posto, occupato al momento Bologna.



Tabellino

Atalanta-Empoli 0-0


Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Mancini, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens (60’ Castagne); Gomez (88’ Piccoli), Ilicic; Zapata (81’ Barrow). Allenatore: Gian Piero Gasperini

Empoli (3-5-2): Dragowski; Veseli, Nikolaou (79’ Rasmussen), Dell'Orco; Di Lorenzo, Traore, Bennacer, Krunic, Antonelli (14’ Pasqual); Farias (41’ Oberlin), Caputo. Allenatore: Aurelio Andreazzoli

Ammoniti: Palomino (A); Dell’Orco, Bennacer, Veseli (E)

Arbitro: Sig. Gianluca Manganiello