Massimo Feira, AD dell'Auxilium Torino (LaPresse)
Massimo Feira, AD dell'Auxilium Torino (LaPresse)

Torino, 7 maggio 2019 – Piove sul bagnato per la Fiat Torino che, dopo essere stata esclusa dalla Legabasket (il club piemontese ha già annunciato di volersi tutelare per vie legali) a seguito dell’entrata in società dell’ex patron di Cantù, Dmitrij Gerasimenko, rischia di subire anche una pesantissima penalizzazione che potrebbe portare addirittura alla retrocessione in A2 dei gialloblu. Quest’oggi, infatti, la Com.Te.C – commissione che monitora i conti dei club di Serie A –, dopo essersi riunita e aver esaminato un rapporto dell’Agenzia dell’Entrate, ha riscontrato alcune violazioni del Regolamento Esecutivo del Settore Professionistico da parte del club torinese e per questo ha chiesto al Consiglio Federale, che si riunirà venerdì, di infliggere all’Auxilium una penalizzazione di 8 punti da scontare in questa stagione e altri 2 da scontare durante il prossimo campionato. Nello specifico, secondo la Com.Te.C, la Fiat Torino avrebbe commesso alcune violazioni e omissioni attinenti il regolare pagamento dei tributi IRPEF e INPS.

Ora la palla passa al Consiglio Federale che, a meno di colpi di scena senza precedenti, ratificherà le richieste della Commissione di Controllo, sancendo di fatto la discesa in A2 dei piemontesi che a quel punto però potrebbero far ricorso per cercare di ribaltare le decisioni del massimo organo della FIP. Qualora poi le eventuali rimostranze dell’Auxilium venissero riconosciute, la geografia dei campionati di  Serie A e A2 potrebbe addirittura essere nuovamente stravolta ma ad estate inoltrata. Tutto ciò arriva al culmine di una giornata in cui i tifosi della Fiat Torino avevano intravisto un flebile spiraglio di luce e speranza dopo l’incontro tra i vertici del club e le autorità locali torinesi che si sono impegnate a dare appoggio alla società per superare il momento di difficoltà. La matassa dopo quest’ultima pesante tegola in arrivo dalla Com.Te.C si fa però sempre più ingarbugliata e per capire bene gli scenari del possibile futuro dei gialloblu sarà necessario attendere ancora qualche giorno.