Milos Teodosic
Milos Teodosic

Bologna, 23 ottobre 2019 – La settimana delle squadre italiane impegnate nelle coppe europee di pallacanestro si è aperta con un risultato decisamente a sorpresa: in quel di Patrasso la Virtus Segafredo Bologna, dopo otto successi consecutivi tra campionato ed Eurocup, ha incassato la prima sconfitta stagionale. Il Promitheas dell’ex Pistoia Langston Hall (16 punti e 6 assist) i è infatti imposto sui bianconeri con un 78-69 finale. I felsinei, a cui non sono bastati i 17 punti di Milos Teodosic e un +20 nella casella rimbalzi (49-29), hanno pagato a caro prezzo il pessimo 4/27 nel tiro da tre punti, le 17 palle perse e il parziale di 20-8 iniziale. Una volta trovatisi a rincorrere, infatti, gli ospiti hanno provato a ribaltare la situazione arrivando fino al +5 nel terzo quarto ma alla lunga hanno pagato lo sforzo subendo i canestri decisivi per mano di Hall.

Sempre in Eurocup è arrivata invece la vittoria dell’Umana Reyer Venezia che, sospinta dai 20 punti a testa di Michael Bramos ed Austin Daye, ha sconfitto 93-85 i francesi del Limoges. Dopo un primo tempo giocato sul filo del sostanziale equilibrio e chiuso a +1 dal Limoges, la Reyer ha alzato i giri del motore e, grazie ad un tramortente parziale di 20-0 ispirato dalle stilettate di Michael Bramos e Austin Daye, ha strappato agli avversari l’inerzia del match volando sul 72-58 a 2’ dall’ultimo mini-intervallo. Un tesoretto che poi gli orogranata hanno saputo gestire. Ben più sofferta la prima vittoria europea della storia della Happy Casa Brindisi che in FIBA Champions League ha piegato allo scadere 76-75 il Telekom Basket Bonn. A decidere la gara un tap in allo scadere di Tyler Stone. Impossibile però non citare tra i salentini anche la prova di Adrian Banks, autore di 31 punti di cui 20 mandati a bersaglio nel solo primo tempo. Con break di 12-0 piazzato nel terzo quarto i biancoblu hanno rimesso la testa avanti ingaggiando una battaglia punto a punto su cui Stone, come detto, ha messo il punto esclamativo.