Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
6 mag 2022

Basket serie A: Sassari si prende la scena, la Virtus Bologna affonda in Sardegna

La Dinamo supera i Campioni d’Italia con un netto 108-73

6 mag 2022
davide baselice
Sport
Eimantas Bendzius
Banco di Sardegna Dinamo Sassari - Segafredo Virtus Bologna
Legabasket LBA Serie A UnipolSai 2021-2022
Sassari, 06/05/2022
Foto L.Canu / Ciamillo-Castoria
L'ala della Dinamo Sassari Eimantas Bendzius va a rimbalzo (Ciamillo-Castoria)
Eimantas Bendzius
Banco di Sardegna Dinamo Sassari - Segafredo Virtus Bologna
Legabasket LBA Serie A UnipolSai 2021-2022
Sassari, 06/05/2022
Foto L.Canu / Ciamillo-Castoria
L'ala della Dinamo Sassari Eimantas Bendzius va a rimbalzo (Ciamillo-Castoria)

Sassari, 6 maggio 2022 – Il Banco di Sardegna travolge la Virtus Segafredo Bologna nel recupero della ventesima giornata vincendo 108-73 nella sfida del Palaserradimigni e ponendo fine alla striscia di quindici vittorie consecutive dei Campioni d’Italia. Sei gli uomini in doppia cifra per la formazione di casa con Kruslin top scorer grazie ai 31 punti seguito dai 23 di Bendzius; dall’altra parte è Mannion il miglior realizzatore con 21 punti iscritti a referto. Con questo successo la Dinamo raggiunge quota trentadue punti in classifica a pari merito con Tortona e domenica avrà la possibilità di ambire alla quinta piazza in caso di sconfitta dei piemontesi.
 

L’equilibrio dura soltanto nel primo periodo del match al Palaserradimigni

Sul parquet isolano sono i padroni di casa ad avere una partenza migliore grazie all’8-0 firmato dal rimbalzo in attacco di Burnell annullato in pochi istanti dal controbreak virtussino chiuso da Sampson a conferma di un primo quarto all’insegna dell’equilibrio. Tessitori firma il +1 (20-21) prima della spallata del Banco di Sardegna che scappa fino al + 12 (35-23) con l’energia di Diop sotto i tabelloni e le triple di Logan, Treier e Stefano Gentile. L’inerzia è tutta a favore di Sassari con la Virtus che paga il nervosismo, in particolare quello di Teodosic vittima di una distorsione alla caviglia a due minuti dall’intervallo, e le polveri bagnate in attacco oltre ai problemi di falli Mannion e Jaiteh. Alla ripresa delle ostilità in campo c’è una sola squadra a prendersi la scena ed è il Banco di Sardegna che strappa gli applausi del pubblico presente e rende ancor più netto il divario coi felsinei già certi del primo posto in classifica con soli quaranta minuti da disputare in regular season che si chiuderà domenica.

Leggi anche - Giro d'Italia, tappa 2: il percorso e i favoriti

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?