epaselect epa09430583 Danish rider Magnus Cort Nielsen of EF Education team celebrates winning the 12th stage of the Spanish Cycling Vuelta in Jaen, a 175km-long race between Jaen and Cordoba, Spain, 26 August 2021.  EPA/Manuel Bruque
epaselect epa09430583 Danish rider Magnus Cort Nielsen of EF Education team celebrates winning the 12th stage of the Spanish Cycling Vuelta in Jaen, a 175km-long race between Jaen and Cordoba, Spain, 26 August 2021. EPA/Manuel Bruque

Cordoba, 26 agosto 2021 - La tappa 12 della Vuelta 2021 sorride a Magnus Cort Nielsen, che già ieri non era andato lontano dal bis in questo Giro di Spagna dopo che già aveva trionfato nella frazione 6. Alla gioia del danese fa da contraltare l'amarezza di Andrea Bagioli, battuto per un soffio al termine di una corsa caratterizzata da scatti e attacchi vari, tra i quali quelli portati senza fortuna da Giulio Ciccone e Matteo Trentin. Per quanto riguarda la classifica generale gli unici sussulti sono arrivati dalle cadute di Primoz Roglic e Adam Yates, entrambe senza grandi conseguenze. La tappa 13, la Belmez-Villanueva de la Serena di 203,7 km, si presta invece decisamente alle ruote veloci rimaste in gruppo.

Vuelta 2021, tappa 13: Sénéchal beffa gli italiani. Classifica generale e ordine d'arrivo

La cronaca

 Dopo tanti tentativi non andati in porto, alla fine la fuga buona prende il largo: a comporla sono Mikel Iturria (Euskaltel-Euskadi), Sebastian Berwick (Israel Start-Up Nation), Sander Armée (Team Qhubeka NextHash), Julen Amezqueta (Caja Rural-Seguros RGA), Jetse Bol (Burgos-BH), Stan Dewulf (AG2R Citroen Team), Maxim Van Gils (Lotto Soudal) e Chad Haga (Team DSM). Il gruppo controlla la situazione con tranquillità almeno fino a quando non c'è una caduta che coinvolge tra gli altri Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e Adam Yates (Ineos Grenadiers): lo sloveno rientra subito nel plotone, mentre l'inseguimento del britannico è più lungo e complesso ma si chiude comunque con un lieto fine. Poco prima dell'inizio dell'Alto del 14% (7,2 km con una pendenza media del 5,6%) la testa della corsa - già priva di Haga - viene rivoluzionata, con Van Gils ultimo ad arrendersi davanti: dietro intanto perde quasi subito le ruote del gruppo un Mikel Landa (Bahrain Victorious) ormai alla deriva. I nuovi attaccanti sono poi Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), Jay Vine (Alpecin-Fenix), Romain Bardet (Team DSM) e Sergio Henao (Team Qhubeka NextHash), inseguiti a varie riprese da diversi corridori, tra cui Matteo Trentin (UAE Team Emirates). Neanche questo quartetto ha fortuna, ingrediente che, anche grazie a un grande colpo di reni, non manca a Magnus Cort Nielsen (EF Education-Nippo), che trova così quel successo, il secondo in questa Vuelta, che già ieri gli era sfuggito per un soffio: così come, per un soffio, è sfuggito oggi ad Andrea Bagioli (Deceuninck-Quick Step).
 

Ordine d'arrivo tappa 12 Vuelta 2021

 1) Magnus Cort Nielsen (EFN) in 3h44'21''
2) Andrea Bagioli (DQT) st
3) Michael Matthews (BEX) st
4) Matteo Trentin (UAD) st
5) Andreas Kron (LTS) st
6) Felix Grossschartner (BOH) st
7) Antonio Jesus Soto Guirao (EUS) st
8) Anthony Roux (GFC) st
9) Gianluca Brambilla (TFS) st
10) Martijn Tusveld (DSM) st
 









Classifica generale Vuelta 2021

 1) Odd Christian Eiking (IWG) in 45h33'18''
2) Guillaume Martin (COF) +58''
3) Primoz Roglic (TJV) +1'56''
4) Enric Mas (MOV) +2'31''
5) Miguel Angel Lopez (MOV) +3'28''
6) Jack Haig (TBV) +3'55''
7) Egan Bernal (IGD) +4'46''
8) Adam Yates (IGD) +4'57''
9) Sepp Kuss (TJV) +5'03''
10) Felix Grossschartner (BOH) +5'38''
12) Giulio Ciccone (TFS) +6'20''
19) Damiano Caruso (TBV) +16'55''
25) Fabio Aru (TQA) +33'23''











Leggi anche - Vuelta 2021, a Roglic la tappa 11. Naufraga Aru