Venerdì 19 Luglio 2024

"Salvini non ha mai detto che se Meloni vota Ursula è la sua fine". La Lega annuncia querele

Il Carroccio contro Repubblica per le frasi sulla premier attribuite al ministro dei Trasporti e “totalmente prive di fondamento”

Roma, 9 luglio 2024 – Salvini e la Lega hanno dato mandato ai propri legali di agire in tutte le sedi nei confronti di quei media che, anche oggi, attribuiscono al segretario federale virgolettati completamente falsi e mai pronunciati. E’ quanto riporta una nota del partito. La goccia (o le gocce) che hanno fatto traboccare il vaso sono state le frasi apparse oggi sul quotidiano La Repubblica attribuite al leader della Lega e riferite alla premier Giorgia Meloni.

Frasi che sono “totalmente prive di fondamento”, sottolineano da via Bellerio, con riferimento all’articolo sul quotidiano che attribuisce a Salvini queste parole: “Per noi von der Leyen è insostenibile. Capisco che Giorgia ragioni da capo di governo, ma se alla fine la vota, vedrete, potrebbe essere la sua fine”.

Salvini e Meloni (Ansa)
Salvini e Meloni (Ansa)
Approfondisci:

I "Patrioti per l'Europa" e le mosse di Meloni

I "Patrioti per l'Europa" e le mosse di Meloni
Approfondisci:

La nuova casa delle destre europee. Nascono i Patrioti anti von der Leyen. "Ora il terzo gruppo siamo noi"

La nuova casa delle destre europee. Nascono i Patrioti anti von der Leyen. "Ora il terzo gruppo siamo noi"

Secondo la ricostruzione del quotidiano romano, il leader della Lega “gongola” per l’adesione al gruppo dei “patrioti” in Europa, che “scippa il terzo posto ai conservatori di Meloni nella classifica dei partiti Ue più numerosi”.

"Giornata importantissima oggi per l'Italia e per la Lega perché nasce a Bruxelles il terzo gruppo all'Europarlamento. Nasce per contrastare ogni inciucio coi socialisti filoislamici, filocinesi, gli estremisti del green deal, delle auto elettriche ad ogni costo. Per difendere il lavoro, la famiglia, il futuro dei nostri giovani e la sicurezza dei cittadini italiani ed europei noi abbiamo indicato il generale Roberto Vannacci come vicepresidente di questo gruppo. È finalmente l'occasione di cambiare questa Europa, come hanno chiesto milioni di cittadini con il loro voto", afferma il leader della Lega commentando in un video la nascita del gruppo

Patrioti per l'Europa al Parlamento europeo.

E poi la frase su Meloni attribuitagli da Repubblica. 

Smentita categoricamente dal Carroccio.