Napoli, 24 settembre 2021 - Aumentano i ricoveri in intensiva, diminuiscono in degenza. 
In Campania, nelle ultime 24 ore, sono 348 i casi positivi al Covid su 16.155 test esaminati. Resta stabile l'indice di contagio che ieri era pari al 2,21% ed oggi è al 2,15%. 
Quattro le persone decedute. 
Negli ospedali aumentano a 18 i ricoveri nelle terapie intensive (+4) mentre calano a 268 quelli in degenza (-14).
Covid Campania, 23 settembre: 419 casi. De Luca. "Nessuna emergenza nelle scuole" / VIDEO



"La campagna di vaccinazione è quasi bloccata"

La campagna di vaccinazione, in Italia, ha "subito un blocco" e in Campania "non siamo arrivati all'obiettivo di avere, entro il mese di ottobre, l'immunità di gregge". Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della diretta Facebook del venerdì. "Ormai si è quasi bloccata la campagna di vaccinazione. Si fa fatica anche per la terza dose - ha argomentato il Governatore - Ritenevo che ci sarebbe stata una ripresa da parte di chi non si era ancora vaccinato, ma devo dire con grande sincerità che questa forte ripresa non c'è stata neanche con le decisioni relative al green pass e di non dare lo stipendio a chi decide di non vaccinarsi". 
Green pass: test salivari rapidi non validi

Somministrazioni: da 70mila a 17 mila al giorno

In merito alla Campania "eravamo arrivati a 70mila vaccinazioni al giorno, siamo a 17mila. C'è un blocco. Abbiamo fatto piccoli passi avanti, con 7,6 milioni di somministrazioni e 4,4 milioni di doppie dosi, ma non siamo arrivati all'obiettivo che a mio parere era alla nostra portata. Potevamo arrivare entro il mese di ottobre ad avere la immunizzazione di gregge del 75% dei nostri concittadini, non è andata così, quindi, dobbiamo avere ancora qualche elemento di prudenza in più", ha sottolineato. 
Coronavirus Italia oggi: contagi Covid e dati del 24 settembre. Bollettino dalle regioni

Le cause secondo il Governatore: fake news e opportunismo

Secondo De Luca sono tre le cause di questo rallentamento: "La prima è che la situazione è migliorata, i cittadini non hanno immagini drammatiche davanti agli occhi e questo spinge a prendere tempo. La seconda ragione è dettata da opportunismo: siccome si sono vaccinati molti, io mi godo la situazione di tranquillità ed evito di vaccinarmi. La terza è la campagna di disinformazione vergognosa, incivile e neomedievale sui vaccini".