Un test salivare per il Covid (Ansa)
Un test salivare per il Covid (Ansa)

Roma, 24 settembre 2021 - I test molecolari su matrice salivare sono validi per il Green pass, mentre i test salivari rapidi no. E' la precisazione del Ministero della Salute contenuta nella circolare inviata oggi che si allinea alle normative europee per il Green pass. "I test antigenici su matrice salivare sono al momento esclusi dall'elenco comune europeo dei test antigenici rapidi validi per ottenere la Certificazione verde COVID-19", è scritto nella circolare. 

Green pass: cosa fare se non arriva o non funziona

Terza dose: via libera del Cts per over 80, ospiti Rsa e sanitari a rischio

Circolare ministero su monitoraggio scuole: i test salivari ai bambini anche a casa

Il bollettino del 24 settembre

"I test salivari molecolari sì, quelli rapidi ancora no. E noi contiamo che tutti i tamponi possano essere utili ai fini del Green pass. Anche perché a metà ottobre se non si usa il buon senso, noi condanniamo all'isolamento milioni di italiani che hanno avuto il Covid e sono guariti dal Covid. Ci sono milioni di italiani che hanno avuto il Covid, sono guariti e non hanno il Green pass. Occorre buon senso ed equilibrio e i tamponi devono essere ovviamente a carico dello Stato, né del lavoratore né dell'impresa", è l'auspicio del leader della Lega Matteo Salvini.

Riguardo invece ai vaccinati con Reithera, questi hanno l'esenzione dal green pass. Ma chi ha avuto il placebo deve essere rivaccinato. È allo studio ora un provvedimento anche per gli altri vaccini sperimentali per sanare la posizione delle persone a cui sono stati somministrati questi vaccini, come ha fatto sapere il direttore della Prevenzione del ministero della salute Gianni Rezza.