Giovedì 13 Giugno 2024

Agguato nel napoletano: 29enne pregiudicato ucciso davanti a una salumeria

Raffaele Malvone, ritenuto dalla Polizia vicino al clan camorristico Gallo-Cavalieri è morto durante il trasporto in ospedale. Era uscito un anno fa dal carcere, gli spari in strada tra i negozi aperti

Polizia sul luogo di un omicidio nel napoletano (immagini di repertorio)

Polizia sul luogo di un omicidio nel napoletano (immagini di repertorio)

Napoli, 26 marzo 2023 - Agguato a Torre Annunziata, nel Napoletano. Raffaele Malvone, 29 anni, ritenuto dalla Polizia vicino al clan camorristico dei Gallo-Cavalieri che proprio nella cittadina vesuviana ha la sua roccaforte, ed è conosciuto anche con il soprannome di Valentini, è stato ucciso davanti a una salumeria di via Plinio, a Torre Annunziata. 

Secondo la prima ricostruzione, Malvone, pluripregiudicato, è stato il bersaglio di due sicari davanti arrivati davanti alla sua salumeria alle 13.10 di oggi domenica 26 marzo  a bordo di scooter. Tre i colpi sparati contro di lui. Malvone è morto mentre in ambulanza veniva portato all'ospedale di Castellammare di Stabia. Sull'ennesimo omicidio di camorrra indagano gli uomini del commissariato di polizia di Torre Annunziata. 

Approfondisci:

Napoli, gambizzato perché si oppone alla rapina dello scooter. Il video choc

Napoli, gambizzato perché si oppone alla rapina dello scooter. Il video choc
Approfondisci:

Spari a Napoli, gambizzato perché si oppone a furto scooter: è grave

Spari a Napoli, gambizzato perché si oppone a furto scooter: è grave

Napoli, nuovo agguato: uomo colpito da 4 colpi di pistola a Castellamare

Malvone, scarcerato un anno fa

Era stato scarcerato da circa un anno Raffaele Malvone, ucciso in un agguato oggi a Torre Annunziata (Napoli). L'uomo, ritenuto affiliato al clan camorristico Gallo-Cavalieri (e non clan Gionta come appreso in precedenza), era rimasto coinvolto nell'operazione  "Mano nera", che portò prima all'arresto e poi alla condanna in Cassazione di una cinquantina di soggetti ritenuti vicini alle due principali organizzazioni criminali che operano nel territorio oplontino, accusati a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso e spaccio di droga. In particolare Malvone fu condannato in Cassazione, nell'aprile del 2018, a otto anni di reclusione.

Spari tra i negozi aperti

Quello contro di lui appare un agguato mirato, di chiaro stampo criminale: chi è entrato in azione non ha badato alla vicinanza di un esercizio commerciale, all'ora del raid armato ancora aperto, né alla presenza di altri esercizi attivi anche di domenica e soprattutto di diversi avventori. L'uomo è stato immediatamente soccorso e trasferito all'ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, dove però è arrivato già privo di vita. 

Il precedente 

La polizia - sul caso indagano gli agenti del commissariato di polizia di Torre Annunziata - ha effettuato i rilievi del caso, chiudendo la strada, alla ricerca di elementi utili per risalire agli autori del raid. Potrebbero essere state sequestrate anche le immagini di videosorveglianza dei sistemi privati presenti in zona. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, anche quello di una possibile risposta ad un altro agguato avvenuto nella tarda serata di lunedì scorso nella zona posta a ridosso del cimitero, nel quale era rimasto gravemente ferito Luigi Guarro, 44 anni, diversi precedenti alle spalle e considerato vicino al clan Gionta.  L'uomo era stato raggiunto da più colpi di arma da fuoco, uno dei quali aveva attraversato la nuca, scampando però miracolosamente alla morte. È evidente che chi era entrato in azione in via Torretta di Siena, a inizio settimana, l'aveva fatto per uccidere. La risposta potrebbe essere arrivata in questa prima domenica di primavera. 

Sicurezza, Manfredi a Roma da Piantedosi: "Più agenti di notte e più poteri"