Lunedì 22 Aprile 2024

Maltempo infinito, quando smetterà di piovere? Previsioni: una domenica ‘terribile’

Un bollettino meteo particolarmente funesto tra giornate cicloniche e bisestili. Ancora tanta neve sulle Alpi

Roma, 29 febbraio 2024 – Il maltempo non finisce più. Dopo giorni di forti piogge al Nord e grandi nevicate sulle Alpi, secondo le previsioni la tregua sarà breve e localizzata, perché già da domani, primo giorno di marzo, vivremo una nuova e pesante fase perturbata, prima al Nord e poi ovunque. 

Un bollettino meteo particolarmente funesto tra giornate cicloniche e bisestili: il brutto tempo è ancora protagonista almeno per tutto il weekend e l’anticiclone della settimana scorsa ci sembra ormai un lontano ricordo. 

Sommario

Oggi piogge forti dalle Marche alla Calabria

Andrea Garbinato, responsabile redazione del sito www.iLMeteo.it, conferma che un ciclone rimbalzerà nel cuore del Mediterraneo Centrale e non riuscirà ad allontanarsi dall'Italia: il vortice risulterà bloccato ad est dall’anticiclone russo, in espansione verso i Balcani, e ad ovest dall’Anticiclone delle Azzorre esteso fino al Portogallo. Una situazione di blocco che causerà l’approfondimento di un ciclone verso la Tunisia: oggi è previsto maltempo su gran parte del Centro-Sud e marginalmente in Emilia Romagna. A nord del fiume Po vivremo invece una tregua più asciutta, con le precipitazioni più intense attese dalle Marche fino alla Calabria, specialmente sul versante orientale della nazione.

Da venerdì nuovo ciclone al centro-Nord con pioggia e neve

Dal primo giorno di marzo, venerdì, vivremo una nuova e pesante fase perturbata, dapprima sulle regioni settentrionali poi ovunque. Insomma, una vivace area ciclonica dominerà l’Italia portando di nuovo piogge e abbondanti nevicate su tutto il Centro-Nord: solo al Sud si apriranno timide schiarite.

Pioggia a Milano (Ansa)
Pioggia a Milano (Ansa)

La mappa del meteo città per città

Domenica ‘terribile’, forse neve rosa sulle Alpi

Ma se la giornata di sabato 2 marzo riserverà qualche momento asciutto in più, domenica 3 marzo sarà molto probabilmente una data da segnare sul calendario come ‘terribile’. Sono infatti possibili fino a 2 metri di neve fresca sulle Alpi piemontesi con un impetuoso vento di scirocco capace di portare anche un altro carico di sabbia dal deserto: potremo avere dunque la neve rosa sulle Alpi a causa del limo in arrivo dal Nordafrica. Ovviamente si tratta di una tendenza da confermare, ma questo ennesimo ciclone del 3 marzo potrebbe far parlare molto di sé. Una domenica 3 marzo molto pericolosa anche per la Sardegna e per il versante tirrenico, ma attenzione: non dobbiamo farci distrarre da una tendenza eccezionale, intanto merita monitorare le prossime 48 ore che vedranno scrosci di pioggia abbondanti da Portopalo di Capo Passero fino a Vipiteno.

Grandi nevicate sulle Alpi

Capitolo neve: i fiocchi continueranno a cadere copiosamente sulle Alpi, mediamente oltre i 1300-1400 metri, poi con quote in calo. Oggi i fenomeni più intensi sono attesi tra Liguria e Piemonte, con un carico di neve superiore a 50-60 cm, secondo ilmeteo.it. Gli accumuli più consistenti sono previsti sulle Alpi Liguri e Marittime, e sui rilievi dal Biellese al Verbano Cusio-Ossola. 

Domenica, con il nuovo peggioramento delle condizioni meteo, la quota neve scenderà fin verso i 700/800 metri su Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige e Cadore. Secondo gli esperti, a Sestriere si prevedono fino a 110 cm, a Breuil Cervinia fino a 120 cm, a Medesimo fino a 70 cm.

Ancora allerta rossa in Veneto

In Veneto oggi è ancora allerta rossa per rischio idraulico su alcuni settori, come comunicato dalla Protezione civile. 

E' stata invece diramata un'allerta arancione valida fino alle 24 di domani nelle zone montane e collinari dell'Emilia-Romagna. Per la giornata di venerdì 1 marzo sono previste condizioni di tempo perturbato, con possibilità di precipitazioni localmente intense, anche a carattere di rovescio, più probabili su zona appenninica e pianura occidentale. Le precipitazioni previste potranno generare nuovi incrementi dei livelli idrometrici nei bacini del settore centro-occidentale della regione, già interessati da fenomeni di piena, prolungando l'occupazione delle aree golenali e l'interessamento degli argini nei tratti vallivi. 

Quando smette di piovere

Ma quindi, quando smetterà di piovere? E’ quello che ci chiediamo un po’ tutti in questi giorni con l’ombrello. Ecco, la risposta è: non a breve. Ebbene sì: perché il nuovo ciclone di domenica durerà almeno fino a martedì della prossima settimana dove però assisteremo soltanto a una breve tregua con nuvole e piogge intermittenti, stando agli esperti de ilmeteo.it, che annunciano per mercoledì 6 marzo un nuovo vortice con maltempo dal Nordovest verso il Centro-Sud. Data di fine? Ancora presto per dirlo...