Roma, 1 luglio 2018 - Previsioni meteo ottime (per gli amanti del caldo). E' una domenica di sole da piena estate, "grazie alla prima vera incursione della stagione dell'alta pressione nord africana", dice il Centro Epson Meteo. Ed è solo l'inizio: "La prossima settimana - dicono gli esperti - l'estate prenderà il sopravvento in modo più evidente al Centro Sud e nelle Isole, dove a dominare la scena saranno soprattutto il sole e le temperature elevate, diffusamente oltre i 30 gradi ma con picchi anche oltre i 35 gradi in Sardegna e Sicilia". La situazione però tenderà a cambiare: "Al Sud e nelle Isole l'ondata di caldo si attenuerà nel prossimo fine settimana. Le regioni settentrionali invece resteranno ai margini dell'alta pressione e anzi già a inizio settimana è previsto il ritorno dell'instabilità, con qualche temporale lunedì sulle Alpi, ma da martedì anche in pianura. Al Nord - affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo - il clima sarà estivo ma il caldo potrebbe risultare a tratti anche afoso a causa della maggiore instabilità, con temperature nella norma o poco al di sopra".

DOMENICA D'ESTATE - Oggi tempo in prevalenza stabile, soleggiato e caldo. Al Nord, tuttavia nel corso della giornata si osserverà qualche modesto annuvolamento, soprattutto tra le zone prealpine e le pianure adiacenti. Non si esclude la possibilità di sporadici brevi piovaschi nelle Alpi orientali. Venti da deboli a moderati di Bora sul medio-alto Adriatico, di Scirocco nei canali delle Isole. Temperature massime in lieve calo in Val Padana e sull'alto versante adriatico; in ulteriore aumento al Sud e nelle Isole, fino a 33-34 gradi, ma con locali picchi anche oltre i 35 gradi in Sicilia e Sardegna. Nel pomeriggio 35°C a Olbia e Alghero, 33° C a Firenze e Taranto, 32°C a Roma, 31°C a Milano, Bologna e Verona, 30°C a Bari.

Temperature in salita oltre i 30 gradi

PREVISIONI DEL TEMPO PER LUNEDÌ - Clima caldo e tipicamente estivo. Cielo parzialmente nuvoloso su Alpi, Piemonte, ovest Lombardia e zone pedemontane del Nordest, con qualche locale e breve rovescio o temporale pomeridiano nel settore alpino. Nel resto del Paese tempo ben soleggiato con cielo in prevalenza sereno, salvo qualche locale annuvolamento sparso sin dal mattino sulla Sardegna occidentale. Caldo in ulteriore aumento al Sud, in Sicilia e sulla Sardegna orientale dove il termometro potrà raggiungere o localmente superare i 35°C. Farà molto caldo anche al Centro con valori fino a 33-34°C mentre in Val Padana e sull'Alto Adriatico non si dovrebbero superare i 30°C. Temperature notturne anch'esse in rialzo un po' ovunque.

TENDENZA PROSSIMI GIORNI - Il Centro Epson Meteo dice che nel corso della settimana assisteremo a un aumento dell'instabilità sulle regioni settentrionali: una perturbazione atlantica, in lento spostamento verso la regione alpina, causerà un aumento del rischio di temporali al Nord già da martedì pomeriggio ma soprattutto tra mercoledì e venerdì. Qui il clima resterà estivo con un caldo non particolarmente intenso anche se a tratti afoso. Al Centro Sud invece proseguirà l'ondata di calore almeno fino venerdì. I valori più elevati si registreranno al Sud e sulle Isole, dove a metà settimana si potranno anche superare localmente i 35°C. Il caldo in questo settore tenderà ad attenuarsi nel prossimo fine settimana, quando potremo anche osservare un temporaneo aumento dell'instabilità atmosferica.

I 6 film dell'estate 2018

Perturbazione atlantica nel prossimo weekend

IL CAMBIO DI ROTTA: I NUBIFRAGI - Ilmeteo.it parla di "ombrello" per il prossimo fine settimana. "Una perturbazione atlantica si farà largo sin dalla giornata di venerdì 6 condizionando il tempo su gran parte delle regioni settentrionali, con acquazzoni davvero forti e rischio grandinate soprattutto in Pianura Padana". Nel fine settimana le piogge dovrebbe scivolare verso Sud lungo la costa adriatica (ma non solo). Come sempre però meglio seguire gli aggiornamenti dei prossimi giorni.

Anche le mappe di 3bmeteo.com comunque (nel pomeriggio di domenica) confermano la tendenza. 

Hacker sotto l'ombrellone, 5 consigli per stare al riparo