Previsioni del tempo: anticiclone e nebbia (foto iStock)
Previsioni del tempo: anticiclone e nebbia (foto iStock)

Roma, 6 gennaio 2020 - L'alta pressione tornerà a rinforzarsi, prendendosi la scena di mezza Europa e tenendo lontano l'inverno (forse ancora per molto). Previsioni meteo che al momento lasciano pochi dubbi. "Gennaio è iniziato sotto il segno di un grande anticiclone che sembra non abbia voglia di abbandonare né l'Italia né l'Europa", scrive ilMeteo.it, aggiungendo che "probabilmente, il mese si chiuderà con l'ingombrante presenza di questa titanica alta pressione". Infatti, "nei prossimi sette giorni, l'alta pressione continuerà a proteggere l'Italia, ma verrà lievemente scalfita da correnti più instabili nelle giornate di mercoledì e venerdì". Il tempo "sarà prevalentemente soleggiato, ma con le nebbie che si faranno via via più presenti al Nord". Città più a rischio quelle della Valpadana, in particolare, vengono segnalate "Milano, Bologna, FerraraRovigo".

Qualche infiltrazione tra mercoledì e venerdì

Mercoledì 8 gennaio, come anticipato, "il tempo peggiorerà sulla Sardegna dove potrebbe piovere soprattutto sui settori più orientali e poi meridionali. Venerdì il peggioramento è atteso al Nord Ovest: la nuvolosità aumenterà diffusamente con qualche pioggia in Liguria e più sporadica sul Piemonte. Nevicate sono attese in Val d'Aosta". Le temperature "non subiranno particolari variazioni se non aumentare, specie di giorno a partire da mercoledì. Da segnalare che in presenza di nebbia i valori massimi risulteranno piuttosto bassi e solo di pochi gradi sopra lo zero".

La cartina meteo

(L'articolo prosegue sotto alla mappa)

Tutta colpa del vortice polare

Un quadro confermato anche da 3bmeteo, che parla di "inverno ancora ai box" a causa di "un vortice polare piuttosto intenso", che "mantiene lontane le perturbazioni che scorrono alle latitudini settentrionali". Anche Meteogiornale.it punta il dito contro il Vortice polare fortissimo: "Al momento - spiega il sito - non siamo in grado di identificare quando ci sarà quello che viene chiamato Split, da cui dovrebbero derivare ondate di freddo in rotta verso latitudini temperate, che non è detto poi saranno l'Italia o l'Europa". Meteogiornale rileva comunque che "il quadro meteo climatico è quanto mai complesso, nonostante da più giorni si stiano vedendo chiari segnali anticiclonici. A nostro avviso c'è ancora un po' di margine di manovra e l'inverno potrebbe offrirci qualche sorpresa del tutto inaspettata".