Ciclone dell’Epifania sull’Italia: allerta meteo. Venti fino a 100 km/h e rischio mareggiate, ecco le zone più colpite

Sono le conseguenze dell'elevazione di un forte anticiclone tra Gran Bretagna e Scandinavia. In calo anche le temperature

Roma, 5 gennaio 2024 – Addio alle temperature miti e al tempo stabile: arriva il ciclone della Befana a sparigliare le carte meteorologiche. Il weekend dell’Epifania apre le porte al vero inverno. Il cambio di ‘stagione’ sarà visibile già da oggi. A parte le forti piogge, il gelo e la neve, sarà soprattutto il vento a rotazione ciclonica a creare la maggior parte dei disagi perché soffierà con intensità di tempesta sui bacini occidentali e meridionali con raffiche fino a 100km/h e rischio di mareggiate dirompenti sui tratti esposti. Il rapido cambio di scenario invernale non riguarda solo la nostra Penisola ma buona parte dell’Europa. Sono le conseguenze dell'elevazione di un forte anticiclone tra Gran Bretagna e Scandinavia (serbatoio di aria gelida con temperature da record inferiori ai -40°C). Le regioni si mettono già al riparo. Scattata per oggi l’allerta gialla su parte di Liguria (sul Levante ligure è stata prolungata fino alle 8 di domani mattina), Lombardia, alcuni bacini idrografici del Veneto (da stasera a domenica mattina), Emilia-Romagna e Toscana (per rischio geologico è stata emessa l’allerta arancione nelle aree di Bisenzio e Ombrone Pistoiese fino alle 18 di domani). 

Previsioni meteo, ciclone della Befana (3bmeteo)
Previsioni meteo, ciclone della Befana (3bmeteo)

Previsioni meteo weekend  Epifania 

A partire da oggi, venerdì 5 gennaio, è atteso un brusco peggioramento delle condizioni meteo quando una intensa perturbazione, preceduta da venti meridionali, farà il suo ingresso sul bacino del Mediterraneo dove andrà a scavare una intensa circolazione di bassa pressione. Piogge e rovesci interesseranno soprattutto Centro Nord e Sardegna con neve sulle Alpi specie di Lombardia e del Triveneto a partire dai 700 m con accumuli abbondanti in alta quota dove potranno cadere mediamente 60-80cm di neve fresca. Sull’Appennino nevicherà inizialmente a quote elevate. Dal primo mattino di domani, e per le successive 18-24 ore, si prevedono venti di burrasca nelle aree costiere della Sardegna, sulla Puglia centro-meridionale e sui settori Jonici di Basilicata e Calabria settentrionale.

Temperature in sensibile diminuzione ovunque con massime sui 5-10°C al Nord, 6-11°C al Centro, 9-13°C a Sud. Questo afflusso di aria fredda perdurerà anche nei primi giorni della prossima settimana con un ulteriore abbassamento delle temperature, alimentando una fase tipicamente invernale sull’Italia.

Previsioni meteo domenica 7 gennaio 

Domenica 7 gennaio il Ciclone delle Befana si sposterà verso il Medio Adriatico 'risucchiando’ aria gelida dai Balcani, di lontane origini russe e polari. Il calo termico sarà ancora più accentuato, accompagnato da venti di Bora sull'Alto Adriatico, e favorirà nevicate fino a quote collinari anche sulla dorsale appenninica. Le piogge più intense colpiranno la Romagna, le Marche e il Basso Tirreno. Infine, i venti soffieranno fino a burrasca fortissima sulle Isole Maggiori e i collegamenti marittimi saranno difficoltosi.

La mappa di 3bmeteo 

Previsioni giorno per giorno