La fioritura dei ciliegi in Giappone
La fioritura dei ciliegi in Giappone
Ammirare la fioritura dei ciliegi sakura: un'usanza così amata dai giapponesi, che le hanno dedicato una parola apposita, hanami. Ogni primavera un'ondata rosa ricopre l'arcipelago da sud a nord e attira milioni di persone che si godono lo spettacolo, naso per aria, mentre fanno un picnic sotto gli alberi mangiando a bevendo a profusione.

È un momento topico della cultura nazionale e uno dei più belli per un viaggio nel Sol Levante. Quest'anno però il tempo stringe: i sakura fioriranno con ampio anticipo rispetto al solito, come ha rivelato l'ultimo, attesissimo bollettino della fioritura pubblicato dalla Japan Meteorological Corporation, che qui viene seguito più delle previsioni del tempo. Se non avete prenotato, meglio sbrigarsi.

LE PREVISIONI DELLA FIORITURA
La primissima fioritura del Giappone è prevista il 17 marzo nella città di Kochi, sull'isola meridionale di Shikoku. Poi il 18 marzo toccherà a Fukuoka, sull'isola adiacente di Kyushu, e da qui il flusso dei fiori che sbocciano risalirà il paese toccando Hiroshima e Nagoya il 20 marzo, Tokyo il 21, Kyoto il 22, Osaka il 25.

Più si sale, più si va in là con le date: ad Aomori, la città più settentrionale dell'isola principale Honshu, c'è tempo fino al 22 aprile, mentre a Sapporo, nell'estremo nord sulla fredda isola di Hokkaido, l'hanami prenderà il via il 2 maggio.

QUANDO ANDARE
Al di là della data che segna l'apertura dei boccioli, bisogna tenere conto che la piena fioritura si raggiunge nell'arco di 7-10 giorni: il bollettino riporta anche le previsioni sul momento di massimo splendore dei ciliegi per godersi l'hanami al meglio.

Si può anche consultare un sito dedicato che riporta varie informazioni aggiuntive, fra cui lo stato della fioritura aggiornato in tempo reale in un migliaio di punti di osservazione sparsi in tutto il Giappone.


Leggi anche:
- Cinque giardini di ville e castelli italiani da vedere in primavera
- Le 5 città europee da visitare in primavera
- Il monaco buddista all'attacco delle recensioni negative dei turisti