Giovedì 18 Luglio 2024

Harry e il Mirror, vittoria parziale del principe (con risarcimento). “Ho ucciso il drago”. Ma con il Daily...

Londra, il secondogenito di re Carlo III vince il primo round per le intercettazioni illegali. Pochi giorni fa, però, ha perso contro il tabloid della domenica

Il principe Harry ha vinto il primo round contro il Mirror

Il principe Harry ha vinto il primo round contro il Mirror

Londra, 15 dicembre 2023 – Da una sconfitta a una mezza vittoria. Il principe Harry nella sua battaglia contro i tabloid – che chiama addirittura ‘draghi’ –  segna un punto a suo favore.

Nel processo contro il Mirror Group Newspapers (Mgn) un giudice ha riconosciuto che il figlio minore di re Carlo è stato vittima di “intercettazione di messaggi vocali e raccolta illegale di informazioni” su di lui da parte di giornalisti che lavorano per il gruppo editoriale britannico. Al duca di Sussex sono state riconosciute 140.600 sterline (163mila euro) di danni.

Approfondisci:

Harry e Meghan i grandi esclusi, dal royal wedding del 2024 a tutta Hollywood

Harry e Meghan i grandi esclusi, dal royal wedding del 2024 a tutta Hollywood
Approfondisci:

Harry in tribunale contro la stampa: “Tormentato dalle voci che Carlo non fosse mio padre”

Harry in tribunale contro la stampa: “Tormentato dalle voci che Carlo non fosse mio padre”

“Felice di aver ucciso il drago”

Il principe Harry si è detto felice per “aver ucciso il drago". “Mi è stato detto che uccidere i draghi ti brucerà, ma alla luce della vittoria di oggi e dell’importanza di fare ciò che è necessario per una stampa libera e onesta, è un prezzo che vale la pena pagare”, ha dichiarato il principe in un messaggio letto ai media dal suo legale David Sherborne.

La causa aveva visto il principe Harry deporre di persona, e questa era stata una prima volta per un reale reale nella storia contemporanea.

Harry ritira la causa di diffamazione contro il Mail on Sunday

La sconfitta con il Mail on Sunday

Pochi giorni fa invece il principe Harry era stato sconfitto in tribunale nella sua battaglia contro il Mail on Sunday. Un giudice gli ha ordinato di pagare circa 56mila euro, più di 48.000 sterline, dopo l’accusa di diffamazione che aveva rivolto al tabloid domenicale archiviata per insufficienza di prove. Il denaro dovrà essere versato entro il 29 dicembre.