Il pollice scivola sullo schermo per una distanza di 84 chilometri ogni anno
Il pollice scivola sullo schermo per una distanza di 84 chilometri ogni anno

Se ogni tanto a fine giornata sentite il pollice un po' stanco, la colpa è dello smartphone: a colpi di scroll sui social network, il dito percorre una distanza degna di un atleta olimpico. Per l'esattezza, 84 chilometri all'anno di strofinamento sullo schermo, quanto due maratone. Il curioso calcolo (riportato dal Daily Mail) è stato effettuato dall'agenzia di marketing Ilk, partendo da un report del 2020 secondo cui in media trascorriamo 49 minuti al giorno su Twitter, Facebook, Instagram e compagnia. Di tutto questo tempo dedicato a postare contenuti fondamentali per le sorti della società e a curiosare nella vita altrui, il 92% lo passiamo su smartphone e tablet e solo l'8% sul computer.

Ecco allora i passaggi logici e la matematica applicati da Ilk, da prendere ovviamente la giusta ironia. Rapportato all'utilizzo dei dispositivi portatili, il tempo speso sui social si attesta a 45 minuti (ossia il 92% sui 49 minuti di cui sopra). Tre quarti d'ora equivalgono a 2700 secondi. In media si fa una scrollata ogni tre secondi, per un totale quindi di 900 colpi di pollice.

Prendiamo adesso la dimensione verticale media dello schermo di tablet e smartphone, 10 pollici (25,4 centimetri), che corrisponde alla distanza percorsa dalla strisciata di polpastrello. In totale (900 volte x 25,4 centimetri), ogni giorno il pollice scorre in giù per 229 metri. Moltiplichiamoli per 365 giorni e otteniamo 83.585 chilometri in un anno, appunto quanto due maratone da 42 chilometri. Uno sforzo ragguardevole, per quel piccolo dito che alimenta la nostra dipendenza dai social.