Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 gen 2022

Pio e Amedeo: ’Belli ciao’ da corsa

Il film di Nunziante scatta subito in testa al botteghino. "Nord contro sud, ci divertiamo a raccontarci"

3 gen 2022
beatrice bertuccioli
Magazine
Pio e Amedeo, entrambi 38enni, nel film “Belli ciao“ di Gennaro Nunziante
Pio e Amedeo, entrambi 38enni, nel film “Belli ciao“ di Gennaro Nunziante
Pio e Amedeo, entrambi 38enni, nel film “Belli ciao“ di Gennaro Nunziante
Pio e Amedeo, entrambi 38enni, nel film “Belli ciao“ di Gennaro Nunziante
Pio e Amedeo, entrambi 38enni, nel film “Belli ciao“ di Gennaro Nunziante
Pio e Amedeo, entrambi 38enni, nel film “Belli ciao“ di Gennaro Nunziante

di Beatrice Bertuccioli Quasi mezzo milione di incasso (489.739 euro per 383 schermi) nel primo giorno di uscita: Belli ciao di Gennaro Nunziante, con Pio e Amedeo protagonisti, è partito in quarta. Per i due comici – Pio D’Antini e Amedeo Grieco, entrambi foggiani e trentottenni – un exploit cinematografico dopo i monologhi televisivi molto politicamente scorretti che nella scorsa primavera avevano comportato forti critiche e accuse di omofobia e razzismo. Loro si presentano in tutt’altro modo. "Ho fatto in modo che mettessero le loro migliori qualità al servizio di una storia solida e credibile, non come comici prestati al cinema ma da attori comici", spiega Nunziante. La storia racconta di due amici nati e cresciuti a Sant’Agata di Puglia, ma mentre uno resta al paese dove vende articoli sanitari, l’altro va a vivere a Milano e si afferma nella finanza. Quando una volta l’amico lo raggiunge, vezzi e vizi del nord e del sud tornano ancora una volta, con ironia, a confrontarsi. Nel film la vostra comicità è diversa da quella televisiva. Amedeo: "A dire il vero, nei primi giorni di riprese, io e Pio provavamo ad aggiungere qualche battuta delle nostre. Ma poi ci siamo affidati al regista. In tv cerchiamo di rieducare la gente alla leggerezza, che con l’imperante politicamente corretto si sta un po’ perdendo. Ma il cinema, ci ha fatto capire Gennaro, è una cosa seria e quindi non ci si può affidare alle battute, bisogna privilegiare la storia". Pio: "Un po’ di scorrettezza comunque c’è perché trattiamo quelli che si riuniscono al paese dopo avere vissuto alcuni anni a Milano, come fossero un gruppo di alcolisti anonimi". Quanto c’è di autobiografico? Pio: "Tanto, perché io vivo a Milano; Amedeo, invece, è rimasto attaccato alle origini". Amedeo: "Pio si sente migliore per essersene andato. Litighiamo su questo: si sta ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?