Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 mag 2022

Domingo fa 4.100: "Io, il leone della lirica"

Con il nuovo Doge dei “Due Foscari“ del Maggio record di recite. "Sono un animale da palcoscenico. Solo qui mi trovo subito a mio agio"

20 mag 2022
carla maria
Magazine
Placido Domingo, 81 anni, ne “I due Foscari“ al. Maggio Fiorentino da domenica
Placido Domingo, 81 anni, ne “I due Foscari“ al. Maggio Fiorentino da domenica
Placido Domingo, 81 anni, ne “I due Foscari“ al. Maggio Fiorentino da domenica
Placido Domingo, 81 anni, ne “I due Foscari“ al. Maggio Fiorentino da domenica
Placido Domingo, 81 anni, ne “I due Foscari“ al. Maggio Fiorentino da domenica
Placido Domingo, 81 anni, ne “I due Foscari“ al. Maggio Fiorentino da domenica

di Carla Maria Casanova Oggi Placido Domingo di ruoli ne ha in repertorio oltre 150. Domenica sera sarà sul palcoscenico del Maggio Fiorentino alla recita 4.100, ne I due Foscari di Verdi, nei panni di Fiesco, ultimo suo grande personaggio, già interpretato oltre una trentina di volte. Domingo: che effetto le fa questo ritorno in scena? "Fiesco Francesco, il Doge, è il ruolo giusto per la mia maturità; quello del figlio Jacopo è stato messo oramai da parte. Il Doge era ottuagenario, come me: 81 anni. Si conclude la parabola della mia carriera, iniziata a Città del Messico nel 1959 nei panni del duca di Mantova: allora avevo 18 anni, l’età giusta per quello scapestrato Gualtier Maldé". Ottantun anni in splendida forma. Però anche lei ha avuto le sue batoste: il Covid, superato alla grande, e prima del Covid l’asportazione di un tumore al colon... "Sì. E dico a tutti: fate esami di controllo non appena c’è qualcosa che non va. Se preso subito non è niente, guardate me". A parte la oceanica popolarità dei famosi “Concerti dei tre tenori” – Pavarotti, Domingo, Carreras – sono molte, nella carriera di Domingo, le date entrate nella leggenda, a partire da quella del debutto al Metropolitan, avvenuto per caso, nel 1968, in una replica di Adriana Lecouvreur di Cilea sostituendo Franco Corelli che si era ammalatosi. Protagonista Renata Tebaldi, indiscussa primadonna del Met. È in corso al Maggio il Convegno per il centenario della della Tebaldi. Un suo ricordo? "Tanti e indimenticabili. Pensare a lei mi emoziona sempre molto. Ho cantato con lei per la prima volta nel 1966. Avevo solo 25 anni ed ero il suo Rodolfo in una Bohème a Boston. Cantare con lei è stato un privilegio. Non posso dimenticare i consigli che mi diede proprio quella prima volta: io ero nervoso, lei era un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?