Domenica 26 Maggio 2024

Valentina Romani, da ‘Mare Fuori’ allo show con Roberto Bolle

La carriera e i prossimi progetti dell’attrice, che ha vestito i panni di Naditza nella serie tv di Rai 2

Valentina Romani - Crediti Ansa

Valentina Romani - Crediti Ansa

Roma, 10 maggio 2024 – Valentina Romani è nota al grande pubblico per il suo ruolo in ‘Mare fuori’ ma, recentemente, è stata anche tra i protagonisti dello show con Roberto Bolle ‘Viva la danza’, in onda in prima serata su Rai 1. Conosciamo meglio l’attrice e il suo invidiabile curriculum.

La carriera e la vita privata di Valentina Romani

Valentina Romani è nata a Roma il 16 giugno 1996. Dopo essersi diplomata al liceo linguistico, decide di assecondare e seguire la sua grande passione per la recitazione e frequenta numerosi corsi: studia per due anni con Saverio Vallone e Beatrice Gregorini, poi continua con un anno di teatro in francese, un anno nell'Accademia "Percorsi d'attore" (con la direzione di Giulio Scarpati) e, infine, altri due anni nella "Scuola Jenny Tamburi". Il suo esordio avviene sul piccolo schermo nel 2014 grazie ad un ruolo nel decimo episodio della terza stagione di “Che Dio ci aiuti”, fiction di successo interpretata da Elena Sofia Ricci. L’anno dopo è guest star in altre due produzioni televisive: fa parte di “Un passo dal cielo”, nel sedicesimo episodio della terza stagione e in “Fuoriclasse” nell’ottavo episodio (sempre della terza annata della fiction).

Al cinema, invece, arriva la grande occasione nel 2016 grazie alla pellicola “Un bacio” di Ivan Cotroneo. Nel film interpreta il personaggio di Blu ed è co-protagonista della storia accanto a Rimau Grillo Ritzberger. La sua interpretazione viene applaudita ed è definita talmente convincente da permetterle di ottenere un Nastro d'argento, Premio Guglielmo Biraghi, insieme al cast della pellicola: Rimau Grillo Ritzberger, Leonardo Pazzagli, Alessandro Sperduti e, appunto, Valentina Romani.

Nel 2017 viene scelta per il cast di ‘La porta rossa’, fiction in onda su Rai 2 per ben tre stagioni. Nella serie tv, Valentina interpreta il ruolo di Vanessa Rosic, una ragazza che, dopo essere caduta dal motorino, si accorge di essere una delle poche a poter vedere Cagliostro, il protagonista della serie tornato in terra come fantasma per scoprire chi l’ha assassinato. A quel punto la giovane comprende di essere una medium e di poter vedere e interagire con l’uomo.

Dopo questa serie di successo, il vero punto di svolta nella carriera di Valentina Romani è sicuramente da attribuire a ‘Mare fuori’, serie tv cult di Rai 2 disponibile anche su Netflix e in grado di diventare seguitissima in poco tempo. Con al centro le vicende dei detenuti e del personale di un istituto penale per minorenni di Napoli (con ispirazioni alla prigione di Nisida), nella fiction ha il ruolo di Naditza. Il suo personaggio sopravvive anche grazie alla sua abilità nel rubare con piani particolarmente accurati. Per non dare vita a sospetti nei confronti di una guardia giurata si è resa disponibile a baciare uno sconosciuto e anche a sedurre una persona più anziana pur di potergli rubare il portafoglio. Pur di non accettare un matrimonio combinato che il padre vede ideale per lei e per il suo futuro, la ragazza decide di commettere un reato proprio con l’intenzione di essere arrestata e allontanarsi così da una realtà alla quale non sente di appartenere.

Parlando e riflettendo sul successo della serie, ha ammesso che la fama e il seguito ottenuto da parte del pubblico è stato “uno tsunami emotivo”. Ha aggiunto che è stato molto bello e piacevole proprio perché inaspettato: “E noi tutti, cast e troupe, abbiamo sentito la responsabilità di aver esposto un pubblico giovane a tematiche importanti”.

Al termine della terza stagione di ‘Mare fuori’, l’attrice ha annunciato la sua decisione di prendersi una pausa e volare verso altri lidi e altre prove recitative, abbandonando il personaggio di Naditza, uscito poi effettivamente di scena e assente nella quarta stagione della serie tv. Via Instagram aveva rivelato ai fan la scelta di non proseguire il suo percorso nella serie tv, con queste parole piene di riconoscenza e anche entusiasmo verso il suo futuro: “È il mare che hai dentro a renderti libero; è la speranza, che ne gonfia le onde. Grazie per questo viaggio incredibile”.

La carriera dopo ‘Mare fuori’: da Nanni Moretti a Bolle

Dopo aver deciso di abbandonare il ruolo che l’ha consacrata sul piccolo schermo in “Mare fuori”, Valentina Romani è apparsa al Festival di Sanremo, con collegamenti live dal "Balconcino Generali" davanti all'Ariston all'evento ‘Prima Festival’, dopo essere stata selezionata testimonial da Assicurazioni Generali.

Sempre in quell’anno, nel 2023, viene scelta da Nanni Moretti per il film ‘Il sol dell’avvenire’, pellicola anche in concorso al Festival di Cannes per la Palma d’Oro. Nell’opera interpreta il personaggio di Emma.

Dopo l’esperienza in ‘Mare fuori’, torna in un’altra fiction, sempre in onda su Rai 2, intitolata ‘Noi siamo leggenda’. Il suo ruolo è quello di Lara, figlia di Anna Petrescu, anche lei malata di tumore. Studentessa universitaria, Lara inizia a lavorare in un bar con l’intenzione di scoprire la verità sulla causa del tumore della donna.

Ha anche prestato la voce al personaggio di Ember nel film Disney e Pixar, ‘Elemental’.

Il 29 aprile 2024, Valentina Romani è stata scelta per un viaggio al centro del momento "documentario" dello show ‘Viva la danza’ con Roberto Bolle. I due attori hanno offerto e mostrato un punto di vista interessante con una cronaca puntuale dai camerini, inclusi la sala prove e il backstage.

Tra i prossimi impegni dell’attrice anche la seconda stagione di ‘Tutto chiede salvezza’, produzione Netfilx sulla quale non può ancora anticipare niente (“Non posso dire nulla, tranne che sono felicissima, ho amato tanto la prima stagione!”).

Per quanto riguarda la vita privata, il gossip parla di una storia d’amore tra Nicolas Maupas e la bella attrice. I due si sarebbero proprio incontrati e conosciuti sul set di ‘Mare fuori’. Ma la Romani continua a mantenere un grande riserbo sulla sfera sentimentale e, durante le interviste, a domanda diretta, si è preferita trincerare dietro un diplomatico “Preferisco non parlarne”. Se non è una conferma, allo stesso tempo, non ha nemmeno il sapore di una smentita.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro