Smoke Sauna, il documentario vincitore agli Efa 2023. Quando esce al cinema

Segreti e fantasmi femminili inconfessabili saranno al centro del documentario. Ecco tutti i dettagli in merito

Anna Hints con il premio EFA 2023 (Ansa)

Anna Hints con il premio EFA 2023 (Ansa)

Roma, 22 dicembre 2023 – Sarà disponibile per soli tre giorni, dal 29 al 31 gennaio, in molti cinema italiani ‘Smoke Sauna’ l’atteso documentario vincitore dei premi EFA 2023 che racconta, con garbo e sensualità, i segreti spesso inconfessabili delle donne che si ritrovano l’una a fianco all’altra tra i vapori di una rilassante e bollente sauna.

Smoke Sauna: tutto su uno dei documentari più chiacchierati dell’anno

Smoke Sauna Sisterhood (titolo in lingua estone: ‘Savvusanna sõsarad’, letteralmente “Sorelle di Savvusanna”) è un documentario del 2023 scritto e diretto da Anna Hints, filmaker al suo esordio alla regia di un lungometraggio. Il film racconta la storia di un gruppo di donne che si riuniscono in una sauna per pulire lo sporco dai loro corpi, imbarazzati e feriti dalla vita.

La pellicola è stata selezionata come rappresentante dell'Estonia per il miglior film internazionale alla 96ª edizione degli Academy Awards ed è una co-produzione tra Estonia, Francia e Islanda. La prima mondiale del film è stata trasmessa in anteprima assoluta in occasione del prestigioso Sundance Film Festival del 2023 il 22 gennaio 2023, dove ha partecipato nella sezione World Cinema Documentary trionfando nella categoria Directing Award. Il 9 dicembre scorso, inoltre, il film ha vinto il premio per Miglior documentario agli European Film Awards 2023 consegnati all’Arena Berlin.

A livello commerciale il film è stato successivamente distribuito nei cinema estoni a partire dallo scorso 23 marzo 2023 ed è poi arrivato anche nelle sale inglesi e irlandesi dal 13 ottobre 2023.

Il cast

A partecipare alle riprese di questo film, racconto di un rituale intimo particolarmente viscerale e coinvolgente, sono state Kadi Kivilo, Maria Meresaar, Elsa Saks, Marianne Liiv, Eva Kübar, Liis Kuresoo, Eda Veeroja,Maria Aasa, Merit Kask, Leno Kuura, Kerttu Kuslap, Sandra Lepik e Signe Mällo. Parlando della modalità con cui è riuscita a trovare donne che volessero prendere parte al progetto, la regista Anna Hints ha dichiarato in un’intervista concessa a British Sauna Society:

“La notizia si è diffusa rapidamente poiché l'Estonia è molto piccola, con soli 1,3 milioni di persone. Molte donne hanno iniziato a contattarmi parlandomi delle loro storie; un giorno una macchina si è fermata nel mio cortile, una donna è scesa e ha chiesto se poteva unirsi. Non ho mai cercato di convincere nessuno. Stavo solo incontrando persone ed ero molto trasparente riguardo al livello di intimità che cercavo, su quanto in profondità saremmo andati. Se c'era esitazione da parte loro, per me corrispondeva ad un rifiuto. Nel film ci sono 25 donne. Non tutte parlano, alcune solo ascoltano, ma anche l’ascolto è un ruolo di per sé importante”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro