Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
9 mag 2022

La parata della vittoria sui nazisti. Ma Putin dimentica ombre e orrori

Rimosso dalla propaganda il patto con Hitler. E senza le armi Usa, l’Armata Rossa non aveva chance

9 mag 2022
roberto giardina
Esteri
featured image
Guardie russe in piedi di fronte agli stendardi pronti per la parata militare
featured image
Guardie russe in piedi di fronte agli stendardi pronti per la parata militare

"Come nel ’45, la vittoria domani sarà nostra", ha proclamato Putin alla vigilia della sfilata del 9 maggio, che ricorda la sconfitta del III Reich 77 anni fa. Oggi sotto il Cremlino sfileranno 11mila soldati, 3mila in meno dell’anno scorso, e un terzo in meno di mezzi corazzati, autoblindati, panzer, postazioni missilistiche mobili, a causa dell’impegno in Ucraina e delle perdite in due mesi e due settimane di combattimenti. Si era prevista una vittoria lampo, ma gli ucraini resistono grazie alle armi fornite dai Paesi amici occidentali. "Oggi i nostri soldati combattono fianco a fianco come i loro antenati per sconfiggere il nazismo, che torna ad alzare la testa in Ucraina", ha dichiarato Putin, che tornerà a parlare oggi sulla Piazza Rossa. "Se ieri l’Urss di Stalin riuscì a sconfiggere Hitler, oggi annienteremo i nazisti di Zelensky". Ma il ricordo del passato è parziale, Putin ricorda solo una parte della storia. Ucraina ultime notizie, Zelensky: "60 civili uccisi da bomba su scuola" Russia, cosa succederà il 9 maggio: la parata a Mosca e il possibile annuncio di Putin Innanzitutto, l’Unione sovietica di Stalin firmò nel ’39 un patto di non aggressione con la Germania di Hitler (trattato noto come Molotov-Ribbentrop) choccando la comunità internazionale. Ma fu il protocollo segreto a rappresentare il cuore della vergogna: la spartizione futura del territorio sovietico-tedesco. La Polonia doveva restare indipendente, così come gli altri Stati. Ma nel 1940 Mosca costrinse Estonia, Lettonia e Lituania a unirsi all’Urss, completando l’espansione territoriale. Fu l’Armata Rossa a liberare Auschwitz, e non gli americani, come si vede ne ’La vita è bella’, ma il film di Benigni è una favola. I bimbi nei lager venivano eliminati il primo giorno, perché non servivano. E furono i soldati sovietici ad arrivare per primi a Berlino. Nessun Paese ha subito più ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?