Medellin, 29 maggio 2019. Un sogno che cammina su quattro ruote. Il milanese Simone Monticelli e la fiorentina Lucia Gambelli cinque anni fa hanno deciso che era arrivato il momento di cambiare radicalmente vita. La routine del tragitto casa-lavoro non faceva davvero più per loro. E così per due anni si sono dedicati anima e corpo a costruire con le loro mani - e l'aiuto di amici e parenti - un camper supertecnologico e autosostenibile per affrontare un giro del mondo di cui non si conosce la data di rientro. Nel 2017 si sono licenziati, entrambi erano impiegati, e tra l'invidia e l'ammirazione degli ex colleghi sono partiti da Milano senza una meta precisa. In poco più di 24 mesi hanno costeggiato l'Africa occidentale, hanno attraversato l'Atlantico a bordo di una nave porta container e hanno cominciato a risalire il Sudamerica. “In questo momento – spiega il 44enne Monticelli – ci troviamo in Colombia”.

La loro però non è una vita da turisti per sempre. “Non viviamo in vacanza. Dobbiamo lavorare per finanziare il viaggio. Abbiamo un budget di 1.100 euro mensili, che speriamo di portare presto sotto quota 900. Il 50% del nostro bilancio se lo porta via il carburante. Le entrate ci devono essere e devono essere stabili se vogliamo andare avanti. Per questo motivo – precisa Simone – scriviamo manuali su come camperizzare veicoli in autonomia o guide turistiche di luoghi pochi conosciuti. Con Valentino, questo il nome che abbiamo dato alla nostra casa mobile, spesso visitiamo posti non molto frequentati proprio per poterli raccontare ai nostri lettori. Inoltre abbiamo aperto anche diversi profili sui vari social per spiegare quello che stiamo facendo. Poi ci sono le piccole difficoltà di tutti i giorni. Lucia, come sarebbe potuto succederle in Italia, si è rotta un piede mentre eravamo in Perù. Finora abbiamo affrontato tutto con ottimismo”.

La scelta di vita alla Grignani - che cantava “un viaggio ha senso solo senza ritorno” - ha comunque costretto la coppia a un drastico cambio di mentalità. “Ci abbiamo messo diversi mesi per capire che non eravamo più turisti e che non dovevamo per forza visitare più luoghi possibili in poco tempo. Non è stato facile adattarsi a uno stile di vita più lento e capire che magari era necessario fermarsi anche per diverse settimane in un posto prima di ripartire”.

I contatti con le famiglie, nonostante la lontananza fisica, grazie alle nuove tecnologie sono frequenti e diversi amici hanno già approfittato di Valentino, che è attrezzato anche per far comodamente dormire diversi ospiti, per raggiungere Simone e Lucia in luoghi sperduti. “Siamo una sorta di ostello mobile”, scherza Simone. Ma oltre ai materassi extra, il camper con cui la coppia sta viaggiando per il mondo nasconde altre sorprese. “Valentino era un vecchio camion militare tedesco. Aveva già 20 anni di vita. Lo abbiamo acquistato per 30mila euro, lo abbiamo totalmente smontato e dotato delle più moderne tecnologie”. Uno sforzo titanico - che alla fine è costato quasi come un monolocale a Milano - per affrontare l'avventura di una vita. Il camper è dotato di telecamere di sicurezza interne ed esterne, di un impianto in grado di potabilizzare acqua da qualsiasi fonte, di un sistema di aria condizionata super economico, di pannelli solari, di una doccia, diversi armadi e una pratica cucina con fornelli a induzione. “Perché non abbiamo scelto un mezzo con meno anni sul groppone? Semplice: per affrontare un giro attorno al mondo – fa notare Simone – bisogna che sia facile da riparare. Ci sono Paesi dove le officine non sono come in Europa e bisogna essere in grado di trovare pezzi di ricambio in poco tempo. Inoltre il diesel non è uguale in tutto il pianeta e i filtri di un veicolo Euro 5 o 6 si sarebbero intasati dopo poche settimane, costringendoci a lunghi stop”.

Simone e Lucia da quando sono partiti si sono allacciati alla rete elettrica solo un paio di volte. “Il nostro mezzo è autosostenibile ed è dotato di un sistema di controllo hi-tech che ci consente di individuare rapidamente eventuali guasti o addirittura di prevenirli”. L'unico tallone d'Achille di Valentino sono gli pneumatici. “Sono davvero difficili da trovare. Ne abbiamo già distrutti tre e per averne uno in più di scorta – racconta Simone – abbiamo mobilitato mezza Argentina. Alla fine, grazie a Facebook, ci ha contattato una persona che aveva una gomma del modello che stavamo cercando. Ce l'ha fatta avere gratis”. E proprio le amicizie nate on the road sono parte essenziale del viaggio. “Una famiglia argentina ci ha ospitato nel suo giardino per due settimane durante la Pasqua. È stato quasi come tornare a casa”. E dopo la Colombia cosa succederà? “Puntiamo verso l'Alaska, poi forse torneremo in Europa o forse andremo in Asia”.