Berlino, 22 novembre 2021 - Parole choc delle autorità, in Germania, dove il sistema sanitario è messo a dura prova dall'ondata di Covid. Quasi tutti i tedeschi saranno "vaccinati, guariti o morti" in pochi mesi, ha dichiarato il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, lanciando un appello alla popolazione perché si immunizzi. "Probabilmente entro la fine dell'inverno, come viene a volte detto con cinismo, più o meno tutti in Germania saranno vaccinati, guariti o morti", ha detto Spahn puntando il dito sulla "contagiosissima variante Delta". "E' per questo che esortiamo con urgenza alla vaccinazione", ha detto Spahn.

Covid, Germania in ginocchio: altri 309 morti. "Non possiamo escludere il lockdown"

Nella tedesca Sassonia la situazione sanitaria è così grave che si rischia di dover ricorrere al triage in corsia. È quello che ha affermato il presidente della camera dei medici regionale, Erik Bodendieck, parlando a NDR info. Se la situazione non cambia, bisognerà pensare a decidere chi debba essere trattato e chi no, ha spiegato. "Si dovrà attuare il triage e di questo parleremo questa settimana con le mie colleghe e i miei colleghi negli ospedali".

Super Green pass in Italia: perché la strada è in salita. I tre nodi da sciogliere

In Germania nell'ultima giornata sono stati confermati 30.643 casi di Coronavirus e 62 decessi. Lo ha reso noto il Robert Koch Institute (Rki), l'agenzia incaricata dal governo di Berlino di monitorare l'andamento della pandemia nel Paese. Si tratta di 7.036 casi di Covid in più rispetto alla scorsa domenica, quando sono state segnalate 23.607 nuove infezioni. L'incidenza su 100mila abitanti a sette giorni è salita a un record di 386,5 da 372,7 del giorno precedente, spiega l'Rki.

Covid, torna la paura negli Usa. Riesplodono i contagi in Francia

Un sondaggio realizzato da Yougov per la Dpa svela che il 62% dei tedeschi è a favore dell'introduzione della regola delle 2G per gli esercizi commerciali, che limiterebbe l'accesso ai soli guariti dal Covid o vaccinati. Solo il 31% del campione si oppone a tale misura, mentre il 7% non prende posizione. Le regioni particolarmente colpite dalla pandemia, come ad esempio la Sassonia, hanno introdotto la regola del 2G per il settore della vendita al dettaglio fatta eccezione per i negozi che vendono beni di prima necessità e farmacie.

Italia, il bollettino Covid del 22 novembre