Martedì 18 Giugno 2024

Governo, Meloni in Senato sì alla fiducia. Le parole di Berlusconi e Renzi

La premier: "Alzeremo il tetto al contate. Penalizza i poveri e non ha correlazione con l'evasione fiscale". Renzi apre sulle riforme costituzionali: "Sull'elezione diretta del presidente del Consiglio ci siamo". E attacca il Pd. Berlusconi sottolinea la necessità di nuove riforme del fisco e della giustizia. Malpezzi (Pd): "Se fosse stato per la destra, Pnrr mai approvato"

Roma, 26 ottobre 2022 - Giorgia Meloni, dopo aver incassato ieri la fiducia della Camera, ha tenuto la sua replica in Senato e in serata ha incassato la fiducia con 115 sì, 79 no, 5 astenuti. Le risorse ereditate dai precedenti governi sono "poche", ha detto in Aula, durante il suo discorso. Serve "un'operazione verità". E ancora, sui provvedimenti: no al salario minimo ("non è la soluzione"), sì all'innalzamento del tetto al contante (che "non è correlato all'evasione fiscale, lo ha detto Pier Carlo Padoan, ministro durante i governi Pd"), ok alla flat tax incrementale che "premia il merito". E ancora: bisogna sbloccare "le procedure sui rigassificatori", estrarre gas naturale. Sì a nuove norme sugli extraprofitti. Duro il passaggio sulla pandemia: "Quello che non abbiamo condiviso dei vostri governi è il fatto che non ci fossero evidenze scientifiche alla base dei provvedimenti che prendevate". Sulla guerra: "La pace non si fa sventolando bandiere arcobaleno. Serve equilibrio, a meno che non mi vogliate dire che la pace si ottiene con la resa di Kiev". 

Meloni, Berlusconi conciliante. La Lega no: "Il governo durerà se farai squadra"

Giorgia Meloni durante la replica in Senato (Ansa)
Giorgia Meloni durante la replica in Senato (Ansa)

Durante le dichiarazioni di voto, Matteo Renzi apre sulle riforme costituzionali: "Sull'elezione diretta del presidente del Consiglio ci siamo". Quindi l'intervento di Silvio Berlusconi, dopo 9 anni in Senato. "Siamo per la pace, con l'Occidente. La mia posizione sull'Ucraina è ferma". Già ieri comunque il leader azzurro ha espresso apprezzamento per il discorso di Meloni, ribadendo però ancora una volta la centralità del suo partito all'interno della coalizione. 

La diretta tv di oggi

La diretta

8:15Dalle 13 al Senato il dibattito sulla fiduciaIl Senato è convocato per oggi, mercoledì 26 ottobre 2022, alle ore 13, per la discussione sulle comunicazioni della Presidente del Consiglio dei Ministri Giorgia Meloni, che ieri ha consegnato a Plazzo Madama il testo delle sue dichiarazioni programmatiche. Intorno alle 16,30 Meloni interverrà per la replica. Seguiranno le dichiarazioni di voto sulla fiducia al Governo e la votazione nominale con appello.
10:26Pd: inutile dirsi underdog se ignori le diseguaglianze"Ci preoccupano i silenzi di Meloni, non ha ancora detto niente. Ci aspettavamo che avrebbero occupato il tempo per un decreto per dare al Paese un po' di ossigeno sul caro energia". Lo ha detto senatore e tesoriere del Pd, Walter Verini. "Inutile definirsi underdog se poi le diseguaglianze sono assenti dal suo discorso", aggiunge Verini.
11:04Conte: prendiamo atto della presa di distanza dal fascismo"Meloni ha detto che non ha avuto mai simpatia per il fascismo? Ci mancherebbe avere nostalgia del fascismo. Se il fascismo è il male assoluto? Direi di sì ma, al di là delle sfumature, la presa distanza c'è e ne prendiamo atto". Così il leader M5s Giuseppe Conte arrivando all'assemblea congiunta dei parlamentari 5 stelle.
11:13Ciriani: a breve l'accordo sui sottosegretari"Come sempre c'è da suddividere i posti di sottogoverno, ma si troverà una quadratura com'è sempre avvenuto. Forza Italia e la Lega hanno le loro richieste ma è normale dialettica politica quando c'è un nuovo Governo. Troveremo un accordo anche abbastanza in breve". Così Luca Ciriani, ministro per i rapporti con il Parlamento, a 24 Mattino su Radio 24. 
11:54La Lega presenta Pdl per alzare il tetto del contante a 10mila euroLa Lega ha depositato un progetto di legge per alzare il tetto del contante a 10mila euro. Prima firma dell'onorevole Alberto Bagnai. È quanto si legge in una nota del partito. 

26-10-2022

12:19:00

Mattarella con Tajani in visita di Stato nei Paesi BassiIl Quirinale rende noto che il Presidente della Repubblica Mattarella, accompagnato dal Ministro degli Esteri Tajani, sarà in Olanda dall'8 all'11 novembre dove effettuerà una visita di Stato su invito del Re Willem-Alexander e della Regina Máxima. Nel corso della visita Mattarella incontrerà il Re dei Paesi Bassi e la Regina. Nella tappa all'Aja sarà ricevuto dai Presidenti dei due rami del Parlamento olandese e avrà un colloquio con il Primo ministro del Regno dei Paesi Bassi. In occasione dei 30 anni del Trattato sull'Unione Europea, Mattarella terrà a Maastricht una prolusione all'House of Government sulle prospettive dell'Europa.

26-10-2022

12:21:00

Incontro Salvini-Moratti a RomaSi sono incontrati a Roma Matteo Salvini e Letizia Moratti nella sede del ministero delle Infrastrutture. Sede istituzionale dunque, per un incontro istituzionale fra il ministro delle Infrastrutture e vicepremier e la vicepresidente della Lombardia e assessore regionale al Welfare. Appuntamento "molto cordiale", spiegano fonti della Lega, servito per fare "il punto della situazione con particolare riferimento a fondi Pnrr, investimenti e strutture sanitarie".
13:17Grillo: "Spero che il governo duri a lungo"Il governo mangerà il panettone? Durerà? ''Io spero a lungo, spero duri a lungo''. Così Beppe Grillo, lasciando la biblioteca del Senato inseguito dai cronisti. 
13:20Abbraccio tra Grillo e ConteAbbraccio tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte di fronte alla platea dei deputati e senatori 5 stelle che hanno apprezzato il gesto con un caloroso applauso. Secondo quanto riferito dai presenti all'assemblea congiunta dei 5 stelle, il garante avrebbe concluso il suo intervento di saluto ai nuovi eletti esortando all'unità del Movimento ("Siamo più uniti che mai") ed avrebbe speso parole di apprezzamento per la conduzione del M5s da parte di Conte che ha definito "in formissima" e in grado di tirare fuori "tutto il nostro orgoglio".
13:50Monti: mi astengo, Meloni mi deve convincere"Signora presidente, condivido molte delle linee programmatiche da lei esposte, anche se alcune sono assai diverse dalle mie. Mi rallegro ma ho bisogno di essere convinto dai fatti. Per qesto oggi mi asterrò e valuterò provvedimento per provvedimento". Lo ha annunciato in Aula a Senato il senatore a vita Mario Monti nella discussione sulla fiducia al governo Meloni.
13:53Patuanelli: difenderemo il reddito con ogni forza"Se Meloni toccherà il Reddito di cittadinanza? Lo temiamo ma dovrà passare da un'opposizione fortissima, durissima. Ci batteremo con tutte le nostre forze". Così il senatore M5s ed ex ministro Stefano Patuanelli, arrivando in congiunta M5s. "Meloni ha preso le distanze fascismo? Mi preoccupa più che altro un atteggiamento culturale. Non servono parole ma fatti e comportamenti". 
14:12Berlusconi atteso in Senato nel pomeriggio

Silvio Berlusconi è a Villa Grande per limare il discorso che terrà oggi pomeriggio a palazzo Madama per la fiducia al governo Meloni e segnerà di fatto il suo 'ritorno' in Parlamento dopo la 'decadenza'. Il Cav è atteso al Senato intorno alle 16.30. Ieri sera ha incontrato Antonio Tajani, numero due di Fi e vicepremier.

14:22Senato: Transatlantico delle grandi occasioni per voto di fiducia

Transatlantico delle grandi occasioni in Senato per il seguito del dibattito sulla fiducia alla premier Giorgia Meloni. Presenti, tra gli altri i vicepremier Matteo Salvini e Antonio Tajani e i ministri Roberto Calderoli e Nello Musumeci. Assente, come previsto, Liliana Segre, la senatrice a vita che ha presieduto nella scorsa legislatura la commissione contro i crimini d'odio.

14:25Applauso del Senato per famiglia ValdiserriUn applauso dall'intero emiciclo del Senato è stato indirizzato alla famiglia di Francesco Valdiserri, il diciottenne travolto da un auto giovedì scorso a Roma mentre camminava sul marciapiede. A ricordare l'episodio è stato Giorgio Bergesio, della Lega, che ha auspicato nuove misure per contrastare questi incidenti stradali. "Alla famiglia di Francesco va la solidarietà di noi tutti" ha aggiunto Bergesio, parole che hanno fatto partire un prolungato applauso di tutto l'emiciclo.
14:45Neosenatore Salvitti si emoziona, La Russa: "Coraggio"

"Che emozione!": è stata l'esclamazione con cui il neosenatore Giorgio Salvitti, esponente di Fdi di Colleferro, ha iniziato il proprio intervento in Aula nella discussione per la fiducia. Parole che hanno spinto il presidente La Russa a incoraggiarlo. Salvitti era il primo degli iscritti a parlare, nella prima seduta operativa del Senato. Una volta che La Russa gli ha dato la parola, il neosenatore ha taciuto per qualche secondo, poi ha dato espressione alla propria emozione. "Che emozione! Per me, per la nostra storia", poi ancora un profondo respiro. Pronto l'incoraggiamento di La Russa: "Coraggio senatore, lei è il benvenuto ma il tempo intanto scorre" ha aggiunto visto che Salvitti aveva 5 minuti per il suo intervento.

15:18Licheri (M5s) critica Crosetti, fischi del centrodestraL'aula del Senato, finora compassata, si è accesa per qualche istante quando Ettore Licheri del M5s ha criticato la scelta di affidare il ministero della Difesa a Guido Crosetto: "Per fugare i dubbi sulle ambiguità di alcuni suoi partner - ha Licheri rivolgendosi a Giorgia Meloni-, lei ha deciso di strafare nominando Crosetto ministro della Difesa. Quello che ieri era il più grande lobbista dell'industria delle armi - ha insistito Licheri - oggi starà nel posto dove si fanno gli appalti per quelle industrie. Questo non è da governo del centrodestra, ma da Repubblica delle banane". A questo punto le voci di protesta del centrodestra si sono fatte più forti e si è sentito anche un fischio. Il presidente La Russa ha subito invitato i senatori del centrodestra a far concludere il collega di M5s, che ha chiuso il suo intervento.
15:34Centinaio: "Flat tax è priorità. Governo durera 5 anni"

La flat tax è "una priorità del governo e continuerà a esserlo. Il governo durerà 5 anni e avremo tempo di fare tutto", così Gian Marco Centinaio, vicepresidente del Senato, fuori dagli uffici della Lega. "Assolutamente no", risponde poi a chi gli chiede se abbia dubbi sulla fiducia al Governo Meloni a palazzo Madama.

16:00Cucchi (Verdi- Sinistra): "Gli ultimi dimenticati da questo governo""La battaglia per scoprire la verità su quanto accaduto a mio fratello mi ha portata in questi 13 anni di lotta per la verità e la giustizia a conoscere il mondo degli ultimi [...]. La lotta alle ingiustizie e alle disuguaglianze sono dimenticate nel programma di governo". Lo afferma in Aula la senatrice Ilaria Cucchi di Alleanza Verdi e Sinistra nel corso del dibattito sulla fiducia al governo Meloni. "Il sistema penitenziario italiano non ha bisogno di più carceri ma di carceri migliori e di meno detenuti. Per questo auspico una riforma del codice penale che depenalizzi e riduca il carcere ad extrema ratio, ma di questo nel programma del governo più a destra del paese non c'è traccia. I fatti di ieri alla Sapienza sono inaccettabili, i modi violenti e disumani con i quali sono stati trattati gli studenti che protestavano non sono degni di un paese civile". 
16:35Paita (Azione-Italia Viva) a Meloni: "Pnrr eredità di Draghi. Ora tocca a lei" "In venti mesi il Presidente Draghi ha fatto un lavoro straordinario. Lo dico con tutto l'orgoglio di chi appartiene ad una forza politica e ad un progetto riformista che ha fatto di tutto, in termini di coraggio, per portarlo alla guida del Paese, Che cosa le ha lasciato in eredità Draghi, presidente Meloni? Un PNRR da circa 200 miliardi, tutti gli obiettivi centrati e le tranche di finanziamento raggiunte: sono risorse importanti ma anche riforme, semplificazioni, processi di velocizzazione delle opere che devono essere realizzate entro il 2026. Il suo partito si è astenuto nel voto sul PNRR. Ora tocca al suo Governo". Così la presidente dei senatori di Azione-Italia Viva Raffaella Paita
16:40Paita (IV): "Faremo opposizione non pregiudiziale""Noi faremo una opposizione non destata dal pregiudizio, una opposizione leale. Saremo attenti e intransigenti su un punto: l'europeismo e l'atlantismo. Significa porsi nell'ambito delle democrazie liberali. Le parole Meloni su questo punto sono state chiare, speriamo risolvano tante ambiguità della sua coalizione. Attendiamo i fatti, altra cosa che ci ha insegnato Draghi". Lo ha detto la capogruppo di Azione-Iv in Senato Raffaella Paita, intervenendo in Senato nella discussione sulla fiducia. 
16:42L'attacco di Scarpinato (M5s): "Presa di distanza dal fascismo non basta"Intervento durissimo del senatore M5S Roberto Maria Ferdinando Scarpinato in Aula al Senato. "Non bastano né le prese di distanze dal fascismo - scandisce l'ex magistrato - né la neo condiscendenza del presidente La Russa nel dichiarare chiusi i ponti con il passato per instaurare una nuova fase di riconciliazione nazionale". Questa, per il senatore grillino, "sarà possibile solo quando ci sarà verità sulle stragi del neofascismo e verranno esclusi dal vostro Pantheon taluni personaggi" . E cita Pino Rauti. La riforma del presidenzialismo "potrebbe rivelarsi una ritorsione autoritaria". Quanto alla "fermezza nella lotta contro la mafia, mi auguro che valga anche contro la mafia dei colletti bianchi, che va a braccetto con la corruzione". Scarpinato viene interrotto dal presidente La Russa, per aver superato i due minuti previsti. Ne nasce un battibecco. 
16:47Ronzulli (Fi): "La sosterremo con lealtà""Con questo governo politico il popolo torna sovrano. E' un governo di centrodestra, guidato dalla prima donna della Repubblica italiana, motivo di orgoglio per tutti noi...Presidente Meloni lei ha chiesto il nostro sostegno e non sarà mai sola in questo compito arduo. La sosterremo con lealtà''. Lo ha detto la capogruppo di Fi al Senato, Licia Ronzulli, parlando a palazzo Madama.
17:10Bongiorno (Lega): "E' tanto che una donna sia arrivata a fare la premier""E' già tanto che una donna, senza scorciatoie, sia arrivato a questo ruolo di Atlante, fino all'81 la donna valeva come un scooter, il reato contro la donna valeva come il furto o il danneggiamento di uno scooter, infatti". Così Giulia Bongiorno, senatrice della Lega, intervenendo in Senato. "Spesso - aggiunge - alla base della violenza, c'è la discriminazione". "Il fatto che lei sia seduta al centro - conclude - vale più delle leggi, è un chiaro messaggio, le donne non sono più scooter a cui poter dare fuoco"
17:12Martella (Pd): "Meloni sarà capace di placare venti antieuropeisti in maggioranza?""Vincere e governare non sono la stessa cosa. Specie se la vittoria è stata costruita cavalcando temi demagogici, alimentando populismo e ambiguità estremiste. Sarete in grado di placare i venti antieuropeisti che soffiano forti al vostro interno? Di indirizzare la nostra politica economica in sintonia con le strategie dell'Unione e abbandonando ogni suggestione sovranista? Di affrontare in modo efficace la transizione ecologica e la lotta ai cambiamenti climatici? Di rimuovere tutto il 'non detto' sulla giustizia? Di affrontare la questione migratoria liberandovi di ogni tipo di pulsione xenofoba? ". Così il senatore del Pd Andrea Martella nel suo intervento sulla fiducia al governo Meloni. 

26-10-2022

17:30:00

Berlusconi in Senato"La situazione è difficile ma noi diamo convintamente la nostra fiducia". Lo ha detto Silvio Berlusconi conversando al Senato con i cronisti e rispondendo a chi gli chiede se il Governo è compatto e se sono state superate tutte le difficoltà.
17:48Meloni afona, si scusaLa premier Giorgia Meloni ha iniziato la replica in Senato, scusandosi "per la voce e per la tosse". Infatti la presidente de Consiglio è leggermente afona in un modo che le altera il timbro della voce. "Quando ci sono risorse limitate devi scegliere dove andare, dove portare la nazione".

26-10-2022

17:50:00

"Senza visione, le risposte concrete sono inefficaci""Sono stata criticata da vari interventi per aver ieri cercato di segnare un manifesto programmatico. Alcuni hanno contestato la scelta dicendo che gli italiani non si aspettavano questo ma risposte concrete. Sono d'accordo in parrte. Senza che vi sia una visione, un manifesto programmatico a monte, senza un'idea di Italia da disegnare, anche le risposte che si danno rischiano di non essere efficaci. Lo abbiamo visto con governi in cui c'erano partiti che avevano visioni contrapposte che non stavano insieme". Lo ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la replica al Senato.
17:53Meloni su energia e gasIn attesa che i provvedimenti sui costi dell'energia a livello Ue vengano adottati "c'e' una emergenza immediata. Occorre lavorare con molta puntualità e con interventi ben calibrati recuperando le risorse nelle pieghe del bilancio: penso agli extraprofitti, con una norma che va riscritta, e all'extragettito", dice la Meloni durante la replica in Senato. E aggiunge che "bisogna sbloccare le procedure sui rigassificatori. Penso quello di Gioia Tauro per il quale basta un dpcm che lo dichiari opera strategica e ripartire, realizzando un impianto in grado di processare da 12 a 16 miliardi di metri cubi di gnl all'anno". Meloni invoca quindi "misure che nel medio-termine liberino l'Italia da una dipendenza energetica inaccettabile. Penso all'estrazione di gas naturale, Penso che le risorse nazionali vadano utilizzate come chiede l'Europa. Poi estraggono altre nazioni e non è che il gas estero inquina di meno".
17:56Price cap ed EuropaMeloni spiega che in Europa "si ragiona sul price cap dinamico, vedremo i tempi. Incalziamo l'Europa a dare soluzioni comuni e c'è il tema della separazione del gas da altre fonti energetiche. Siamo pronti e se anche l'Europa non darà risposte" il governo è pronto a lavorare al "disaccoppiamento crescente anche sulla base delle determinazioni europee". 

26-10-2022

17:58:00

"Ereditiamo scarse risorse, serve verità"Dagli interventi oggi al Senato sono anche emerse diverse criticità e "sono emerse le scarse risorse che disporremo" per affrontare le emergenze. "Emerge una realtà, gli interventi ci aiutano a fare una grande operazione di verità sulle condizioni dell'Italia che ereditiamo anche da chi ci accusa". Lo ha detto Giorgia Meloni nella sua replica al Senato.
18:00"Non possiamo dipendere dalla Cina""Non possiamo pensare di demolire filiere di eccellenza produttiva nazionale per assecondare obiettivi stabiliti prima della guerra e in un contesto diverso da quello di oggi. Non ci renederemo mai disponibili a passare dalla dipendenza dal gas russo alla dipendenza dalle materie prime cinesi, non mi sembra una strategia intelligentissima". Così Giorgia Meloni, in sede di replica al Senato.

26-10-2022 18:03:00

"Salario minimo non è una soluzione" Il presidente del Consiglio parla di salario minimo. "Il contrasto al lavoro povero è priorità, il tema è capire come. Il salario minimo rischia di essere uno specchietto per le allodole e non una soluzione. I contratti collettivi nazionali hanno già dei salari minimi", osserva. "La sfida è estendere la contrattazione collettiva. I salari sono bassi in Italia ma dobbiamo partire dal taglio del cuneo fiscale", aggiunge.

26-10-2022

18:05:00

"Su Covid scelte senza basi""Sono d'accordo con Lorenzin sul riconoscimento del valore della scienza e per questo penso che dobbiamo scambiarla mai con la religione. Infatti, quello che non abbiamo condiviso dei vostri governi è il fatto che non ci fossero evidenze scientifiche alla base dei provvedimenti che prendevate". Lo dice la premier facendo riferimento alle misure restrittive nella lotta al Covid.

26-10-2022 18:08:00

Cuneo fiscale "Se non partiamo dal taglio del cuneo fiscale i salari saranno bassi comunque e voi questo taglio non lo avete fatto", dice la Meloni in Senato. "È stata fatta una scelta diversa che ha impattato meno. Impegno arrivare progressivamente a un taglio fiscale di cinque punti. Due terzi ai lavoratori, un terzo alle aziende. Naturalmente ha un costo rilevante ed è un impegno di medio-termine".
18:10Flat tax, frecciata al Pd"La flat tax incrementale è una tassa piatta su quanto dichiarato in più rispetto al triennio precedente. Chi produce di più è giusto che venga premiato, è un segnale di merito", spiega Meloni. "E poi abbiamo già l'Ires al 24% fissa, le rendite al 26%, e il Pd introdusse una tassa fissa di 100mila euro per i ricchi che si trasferivano dall'estero: la flat tax va bene solo per il Pd?". 

26-10-2022

18:12:00

"Non vogliamo stravolgere il Pnrr""Non vogliamo stravolgere il Pnrr, non abbiamo mai detto che andasse riscritto. Ma rivederlo sulla base dell'articolo 21 del Next generation Eu che consente agli Stati di fare degli aggiustamenti se cambiano gli scenari e di valutare quegli scenari. Il Pnrr è stato scritto in un tempo in cui non c'era la guerra e gli aumenti dei costi dell'energia. È lecito ragionare se quegli interventi sono validi ancora oggi o no?". Lo ribadisce la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la replica al Senato.

26-10-2022 18:17:00

"Fare del Sud hub del gas europeo""Parliamo della 'questione meridionale'. Di come impedire che una ricchezza prodotta al sud vada in altri territori", dichiara ancora la Meloni in Senato. "Nella tragedia della situazione energetica si nasconde una piccola grande occasione che riguarda il mezzogiorno. Al sud c'è tutto per produrre le rinnovabili. Potremmo fare del sud Italia l'hub energetico d'Europa. Bisogna sbloccare il meccanismo perverso che blocca i fondi strutturali e forse una due diligence su tutte le risorse nazionali"

26-10-2022 18:24:00

"Metteremo mano al tetto al contante""Confermo che metteremo mano al tetto al contante" che tra l'altro, "penalizza i più poveri", come emerge anche dai richiami "alla sinistra da parte della Bce". Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni in replica dopo la discussione sulla fiducia al Senato, sottolineando anche che da un lato "rischia di non favorire la nostra competitività" visto che paesi come Austria o Germania non ce l'hanno. "Lo dirò con chiarezza: non c'è correlazione tra limite del contante e diffusione dell'economia sommersa. Ci sono Paesi in cui il limite c'è e l'evasione è bassissima. Sono parole di Pier Carlo Padoan, e io sono d'accordo col ministro del Pd Carlo Padoan". Infine "un tema tecnico: in Europa e in Italia l'unico moneta a corso legale sono le banconote cartacee. La moneta elettronica non ha valore legale. Lo dice la Banca Centrale". E dunque, ha concluso, "confermo che metteremo mano al tetto al contante".
18:26"Controllo e prevenzioni contro incidenti stradali""Gli incidenti stradali sono una materia che terremo presente. Da questo punto di vista non credo si debba appesantire il quadro normativo ma occorra attuare le disposizione vigenti e che i controlli debbano essere efficaci", dice ancora Meloni, sottolineando anche la necessità di "ragionare sul tema della prevenzione. Su questi temi ci sentiamo impegnati".
18:29"Difenderemo il carcere ostativo""Saremo d'accordo per cercare strade comuni per difendere uno degli istiututi più efficaci nella lotta alla mafia, il carcere ostativo, rischiamo di perderlo e insieme si deve cercare di difenderlo", dichiara la premier. "Sono d'accordo con i colleghi del M5s, l'antimafia non si fa con la retorica, ma nemmeno con i provvedimenti con cui avete rischiato di fare uscire decine di detenuti al 41bis con la scusa del rischio di contagio". 
18:38"La pace non si fa sventolando bandiere""Non so se qualcuno ritenga che la guerra mi diverta, mi piaccia e che la voglio valorizzare - dice Meloni a proposito della guerra in Ucraina -. No, ovviamente penso, spero e lavoreremo per quello che possiamo fare per raggiungere una pace giusta, ma dobbiamo capirci su come ci si arriva: la pace non si fa sventolando bandiere arcobaleno nelle manifestazioni". E aggiunge: "L'unica possibilità, da che mondo è mondo, per favorire i negoziati nei conflitti è che ci sia un equilibrio. A meno che mi vogliate dire che la pace si ottiene con la resa, la pace si ottiene proseguendo con il sostegno all'Ucraina, consentendole di difendersi". 
18:39Difesa, frecciata a ConteSulle polemiche attorno al caso Crosetto, Meloni punge i 5 Stelle: "Ai colleghi del Movimento 5 stelle che fanno polemica sulla vicenda del ministro della Difesa (Guido Crosetto, ndr): fa abbastanza sorridere che lo facciate voi e Giuseppe Conte. Perché Giuseppe Conte quando era presidente del Consiglio non ha allora venduto le aziende della difesa italiane che producono armi? Perché non mi risulta che lo abbia fatto".

26-10-2022 18:40:00

Meloni: "Abbiate il coraggio di valutare nel merito""Noi abbiamo fatto sempre un'opposizione molto franca, credo che il dibattito sia il sale della democrazia. Credo che diverse volte si è potuto contare sul sostegno di FdI. Ci chiesero, quando votammo sulla riduzione dei parlamentari, 'cosa vi aspettate in cambio?'. Niente, perchè la condividiamo. E questo coraggio e questa lealtà che posso chiedere all'opposizione, che si possa parlare nel merito, che non si facciano dibattito ideologici. Mi auguro che vogliate valutare i provvedimenti nel merito e valutare se votarli o meno". Lo ha detto Giorgia Meloni nella sua replica al Senato.
19:06 Renzi apre sul presidenzialismo"Il gruppo di Azione e Iv voterà no alla fiducia al governo Meloni per le ragioni che hanno ben argomentato i colleghi che mi hanno preceduto", dice Matteo Renzi (Iv-Azione) durante le dichiarazioni di voto. "Lei ha fatto un'apertura importante sulle riforme costituzionali - aggiunge rivolto alla premier -. Se c'è un'apertura sulle riforme istituzionali, un no a prescindere per me è sbagliato". E ancora: "Se la maggioranza vorrà sfidarci sull'elezione diretta del presidente del consiglio, quello che noi abbiamo chiamato il sindaco di Italia, noi ci saremo". Frecciata al Pd: "Tutto si può dire alla presidente Meloni, tutto, ma la 31esima presidente del consiglio dopo 30 maschietti, è una donna che ha vinto delle battaglie. La contesto, ma andarla ad attaccare sulla rappresentanza femminile è masochismo". 
19:16Berlusconi: "Felice di essere qui dopo 9 anni""Signor Presidente del Consiglio, sono felice di essere qui e sono felice anche perché 3 ore fa è nato il mio 17° nipotino. Evviva! Comunque è per me un motivo di grande soddisfazione riprendere la parola in Senato, dopo nove anni, e farlo proprio quando il popolo italiano ha scelto ancora una volta di affidare il Governo del Paese alla coalizione di centro-destra". Lo afferma Silvio Berlusconi intervenendo in aula al Senato. "Noi oggi voteremo convintamente la fiducia e da domani lavoreremo con lealtà, con passione e con spirito costruttivo, per realizzare il nostro programma". E aggiunge: "Non è questo il momento, onorevoli senatori, per ricordare i tanti successi ottenuti dai governi di centro-destra che ho avuto l'onore di presiedere, ma una sola cosa voglio rivendicare con orgoglio: i nostri governi hanno sempre avuto come stella polare del loro agire la stella polare della libertà. Non abbiamo mai approvato una norma, una legge, un provvedimento, che potesse ridurre gli spazi di libertà dei cittadini. Non abbiamo mai compiuto una scelta di politica internazionale, che non fosse dalla parte dell'Occidente e della libertà".
19:25Berlusconi: "Riforma giustizia priorità""Anche la riforma della giustizia è una priorità irrinunciabile, per una questione non solo di durata ragionevole dei processi e ricordo che i processi per una sentenza di primo grado da noi 1020 giorni in Europa, a parte Olanda, 98 giorni al massimo un anno e per questo non si devono fissare udienze dopo 3-4 mesi ma la settimana dopo o al massimo dopo due settimane", dice ancora Berlusconi. "Dobbiamo farlo per una questione di civiltà e di libertà. Una riforma davvero garantista, non contro la magistratura ma per il diritto, per l'equità, per la libertà".
19:27Berlusconi: "Fisco deve essere più equo""Del resto è ben chiara in noi la consapevolezza dei problemi strutturali del nostro Paese, la consapevolezza del carico fiscale insostenibile su famiglie e imprese, la consapevolezza della lentezza della burocrazia e dell'inefficienza del sistema giudiziario. Certamente una delle priorità da approvare nel più breve tempo possibile è la riforma della tassazione, per un fisco più equo e più leggero, pur nella necessità di non disattendere i vincoli di bilancio che l'Europa e i mercati ci impongono". Lo afferma il leader di Fi Silvio Berlusconi parlando in Senato.
19:28Cav: "Volevo recuperare Russia in Ue, ma guerra vanifica tutto""Il mio progetto, le speranze di molti, erano allora quelle di recuperare la Russia all'Europa. Questo progettavamo per poter affrontare insieme con un Occidente rafforzato dall'apporto della Russia alla grande sfida sistemica del 21/mo secolo, quella del pericoloso espansionismo cinese. Purtroppo l'invasione dell'Ucraina ha vanificato questo nostro disegno, perché siamo tornati a prima del 2002, con la Russia isolata dall'Europa e con l'Europa e l'Occidente uniti contro la Russia", ha aggiunto Silvio Berlusconi.
19:30Berlusconi cita il suo discorso nel '94"Nel 1994, in questa stessa Aula, chiedendo al Senato la fiducia per il primo governo di centro-destra, io conclusi il mio intervento parlando della possibilità di sognare, ad occhi bene aperti un nostro futuro migliore, parlai della possibilità di costruire un'Italia più giusta, più generosa e più sollecita verso chi ha bisogno e verso chi soffre, parlai di un'Italia più moderna e più efficiente, di un'Italia più prospera e più serena, più ordinata e più sicura". Così Silvio Berlusconi nel suo intervento al Senato. "Queste le mie parole di allora, queste le mie parole di oggi. Al Presidente del Consiglio e al Governo i miei e i nostri più convinti e affettuosi auguri per tutti i prossimi cinque anni di lavoro", ha concluso.
19:37Standing ovation per Berlusconi dal centrodestraStanding ovation e lungo applauso di tutti i senatori del centrodestra per l'intervento di Silvio Berlusconi nell'Aula del Senato, in dichiarazione di voto sulla fiducia al governo. Al termine dell'intervento del leader di Forza Italia, i senatori del centrodestra si sono tutti alzati in piedi per applaudirlo. In piedi anche i ministri, a partire dai due vicepremier Matteo Salvini e Antonio Tajani. Si alza in piedi e applaude anche la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.
19:44Floridia (M5s): In programma mancano ambiente e futuro"Le sue linee programmatiche sono manchevoli anche della sostanza sulla sostenibilità ambientale. Avete giurato sulla Costituzione che oggi si è arricchita di due parole, ambiente e futuro, due parole che nel suo discorso sono mancate. E non ci dica che la guerra dovrà farci retrocedere". Lo ha detto Barbara Floridia, del M5s, nelle dichiarazioni di voto al Senato sulla fiducia al governo, confermando il voto contrario alla fiducia
19:57Malpezzi (Pd): Se fosse stato per destra, Pnrr mai approvato  "Credo che il suo sia stato un discorso necessariamente indefinito: lei ha cambiato idea, altro che 'sono sempre stata coerente'. Dietro la pomposa retorica sulla nuova Europa delle Patrie, dove 'la pacchia è finita' e in cui bisogna andare 'a testa alta e senza subalternità' c'è la piena consapevolezza della necessità che bisogna rispettare i vincoli di bilancio. Non mi pare un caso che abbia dovuto precisare che il suo governo onorerà i Trattati alla base della convivenza comunitaria. A noi sembra scontato". Così nell'aula di Palazzo Madama la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi in dichiarazione di voto sulla fiducia al governo Meloni. "Quando parla d'Europa - aggiunge - a volte temo che lei confonda l'autorevolezza con la subalternità. Sedersi ai tavoli e trattare non significa essere subalterni, ma significa prendere atto di essere in una comunità, quella europea, che richiede dei passaggi di mediazione e collaborazione, limando le proprie posizioni, fino ad arrivare a faticosi compromessi. E se non ci fosse stato questo modo di agire di uomini capaci di tessere come Paolo Gentiloni o David Sassoli, oggi non avremmo il PNRR. E sono costretta a ricordare che se fosse stato per voi non lo avremmo mai approvato. Perché può non piacerle che le venga sottolineato, ma lei si è astenuta. Ieri - continua la presidente dei senatori dem - abbiamo sentito nell'aula della Camera parole pronunciate da esponenti della sua maggioranza in cui si tende a tenere separati atlantismo e europeismo, come se il primo da solo fosse sufficiente a dare credibilità internazionale al suo governo. Non è così. Noi dobbiamo essere forti nella UE, credibili nella UE, autorevoli nella UE. E lei lo sa bene visto che la sua fascinazione anti euro è terminata nel corso della scorsa legislatura e i toni sovranisti più duri definitivamente messi in soffitta terminata la campagna elettorale", conclude Malpezzi.
20:18Al via in Senato la prima chiama sulla fiduciaÈ iniziato in Senato l'appello nominale dei senatori per la fiducia al governo Meloni. I parlamentari, chiamati per nome, sfileranno sotto il banco della presidenza annunciando a voce alta il loro sì o il loro no alla mozione di fiducia. L'intera operazione dovrebbe richiedere circa 45 minuti. 
20:55Sì del Senato alla fiduciaIl Senato ha approvato la mozione di fiducia al governo Meloni con 115 sì, 79 no, 5 astenuti. Come risulta dai tabulati di Palazzo Madama, ad astenersi dal voto di fiducia sono stati i senatori del gruppo delle Autonomie, Julia Unterberger, Meinhard Durnwalder; i due senatori a vita Mario Monti ed Elena Cattaneo e Dafne Musolino della lista di Cateno De Luca. Sei parlamentari non hanno partecipato al voto: sono Tatiana Rojc del Pd, Celestino Magni del gruppo Misto e i senatori a vita Liliana Segre, Giorgio Napolitano, Carlo Rubbia e Renzo Piano.Il centrodestra ha votato compatto, 115 sì su 116, contando che il centosedicesimo era Ignazio La Russa, il presidente del Senato, che per tradizione non vota mai in queste occasioni.
21:07Meloni: "Subito al lavoro su urgenze""Anche il Senato ha votato la fiducia al Governo. Abbiamo presentato in campagna elettorale un programma chiaro e dettagliato. Manterremo gli impegni: il vincolo tra rappresentante e rappresentato è l'essenza della democrazia. Subito al lavoro per rispondere alle urgenze dell'Italia", l'ha scritto su Twitter la premier Giorgia Meloni.
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

Meloni tra nostalgie e futuro, il discorso: "Noi, dai margini al Governo"

La sinistra non sa come fare i conti con la realtà - Pecore elettriche