Domenica 21 Aprile 2024

Pichetto, stop gas russo non porterebbe criticità eccessive

"Ma rischio di tensioni sul mercato per domanda di altri Stati"

Pichetto, stop gas russo non porterebbe criticità eccessive

Pichetto, stop gas russo non porterebbe criticità eccessive

"Dalle analisi effettuate, congiuntamente a Snam, risulta che, per l'Italia, la chiusura della rotta ucraina non porterebbe criticità eccessive, al netto di eventuali ulteriori eventi concomitanti che potrebbero limitare gli approvvigionamenti (interruzione del flusso algerino) oppure aumentare la domanda (improvviso picco di freddo), proprio grazie alle azioni già messe in atto". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, in audizione davanti alla Commissione Ambiente della Camera. Per Pichetto c'è "il rischio di maggiori tensioni sui prezzi, dovute principalmente alla domanda dei sistemi gas degli altri Stati appartenenti al gruppo ed interconnessi con il nostro, che però non hanno accesso ad un numero sufficiente di rotte di approvvigionamento o al Gnl". "L'interruzione delle forniture di gas russo trasportate attraverso l'Ucraina - ha spiegato il ministro - priverebbe il sistema gas dell'Unione di circa 14 miliardi di metri cubi annui (valore già ridotto sensibilmente rispetto ai 55 miliardi che arrivavano in media prima del conflitto)". Per Pichetto "una serie di azioni messe in campo dal ministero ha permesso di ottenere in due anni una quasi totale emancipazione dalle forniture russe, passando dal 38% del 2021 al 18% del 2022 fino al 4% del totale importato del 2023. Nel contempo, si è registrata una crescita dell'importazione di gas algerino dal 28% al 36% e dell'importazione di Gnl dal 13% al 26% , sempre rispetto al totale del gas importato. In più, l'insieme delle misure adottate per contenere la domanda, ha portato ad un risparmio di gas, confrontato con la media degli ultimi 5 anni, pari al 19% tra agosto del 2022 e gennaio 2023 e del 15% tra aprile e dicembre 2023". "L'inverno 2022/2023 si è concluso con un elevato livello dello stoccaggio - ha concluso il ministro - che ha permesso, nel periodo estivo, un'agevole campagna di riempimento, quasi sino al 100% della capacità. Attualmente il livello di riempimento del gas è a circa il 64% e dovrebbe arrivare a fine marzo a circa 45%, livello che può essere considerato ancora elevato".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro